Follonica sempre più smart con l’arrivo di 4mila lampioni a led: “Risparmiati 20mila euro all’anno”

Il gestore del nuovo servizio di illuminazione del Comune di Follonica, Citelum, ha presentato questa mattina il progetto Follonica Led, insieme agli amministratori comunali.

Un progetto innovativo e funzionale, che partirà il primo novembre nella città del golfo, andando ad efficientare tutti gli impianti di pubblica illuminazione ed investendo anche sull’infrastrutturazione smart della città.

L’Importo del progetto è di circa 5 milioni di euro distribuiti in 9 anni.

Il servizio prevede la gestione e la manutenzione di circa 4000 lampioni e relativi impianti (mentre 500 restano di proprietà e in gestione ad EnelSole).

Un grande cambiamento nella percezione della luce e un’occasione di riqualificazione della città, dotandola di strutture utili al miglioramento della qualità dei servizi. Il progetto, a step, porterà ad interventi per rendere Follonica smart, con più punti Wi-Fi, panchine con Usb, colonnine per ricariche elettriche, centraline per controllo aria, videosorveglianza. Gli interventi sulla rete inizieranno nel 2017 e dureranno un anno e mezzo.

Il Comune di Follonica ha aderito alla convenzione Consip: Citelum è l’azienda che gestisce l’illuminazione di 100 città italiane, come Venezia, Napoli, Siena, Siracusa.

Con questo progetto – dichiara il responsabile di Citelum, Giovanni Rossi, Follonica risparmierà subito 20.000 euro all’anno di luce. Saranno poi fatti investimenti, a cura di Citelum, per 1.100.00 euro per la messa a norma e in sicurezza dei quadri elettrici, cavi e per il risparmio energetico (led). A fine lavori il risparmio energetico della città sarà del 50%, mentre il risparmio delle tonnellate di petrolio sarà del 50% e la riduzione di emissione di anidride carbonica sarà pari a 600 tonnellate all’anno. Tra nove anni, a fine gestione, l’amministrazione avrà ottenuto impianti efficienti, città smart e risparmio economico ed ambientale“.

L’amministrazione farà incontri con i cittadini per presentare gli step e il progetto integrale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top