Home Cronaca Sicurezza, vertice in Prefettura: incrementati i controlli per contrastare la violenza in città

Sicurezza, vertice in Prefettura: incrementati i controlli per contrastare la violenza in città

Questo è quanto concordato nella riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica

di Redazione
0 commento 50 views

Incremento delle pattuglie in strada e aumento del controllo attivo nei luoghi di maggiore aggregazione; massima sinergia operativa tra le Forze dell’Ordine e la Polizia locale; sviluppo di iniziative volte a prevenire e contrastare le forme di disagio giovanile; favorire la partecipazione attiva alla vita sociale della comunità e la cultura del controllo e del limite: questi gli “ingredienti” per mantenere alta la qualità della vita della città di Grosseto.

Questo è quanto concordato nella riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, che si è svolto questo pomeriggio in Prefettura.

Alla riunione, presieduta dal Prefetto Paola Berardino, erano presenti il vicesindaco del Comune di Grosseto, Bruno Ceccherini, l’assessore a sicurezza, mobilità, Protezione civile, turismo, Riccardo Megale, il vice presidente della Provincia, Valentino Bisconti, il vicario della Questura, Gianfranco Rapisarda, il Comandante provinciale dell’Arma dei Carabinieri, Sebastiano Arena, il Comandante provinciale della Guardia di Finanza, Nicola Piccinni, e il Comandante della Polizia Municipale di Grosseto, Alessio Pasquini.

A seguito degli episodi di violenza che si sono verificati negli ultimi giorni il Prefetto ha sottolineato la necessità di incrementare i livelli di monitoraggio e vigilanza, attraverso servizi mirati in chiave preventiva e di controllo, specie sul versante del contrasto al fenomeno dello spaccio di stupefacenti e sul divieto di vendita di alcolici ai minorenni.

Saranno rafforzati gli interventi coordinati delle forze di Polizia statali e della Polizia locale, in modalità interforze, nei principali luoghi di ritrovo della movida, nelle ore serali e notturne.

“Non bisogna criminalizzare – ha detto il Prefetto Berardino le nuove generazioni che vivono il centro a Grosseto, perché i ragazzi sono in gran parte corretti e dimostrano capacità di stare insieme e di sapersi divertire. Al contempo, però, accogliendo le istanze che provengono dalla comunità, occorre una costante e crescente attenzione per aumentare la sicurezza, reale e percepita, della città anche attraverso iniziative volte a migliorare la vivibilità di taluni luoghi e, di conseguenza, venire incontro alle esigenze di residenti e turisti”.

Alcuni dei responsabili dei fatti, precisa il Prefetto, anche grazie all’ausilio del sistema di videosorveglianza, sono già stati identificati e altri sono in corso di identificazione da parte delle Forze dell’Ordine.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy