AmiataScuola

Festa della Toscana: rappresentazione artistica degli studenti in Comune

Si sono ascoltati canti, recite, richiami storici, artistici e letterari

Oggi, 30 novembre, per celebrare la Festa della Toscana 2022, il Comune di Castel del Piano, attraverso il sindaco Michele Bartalini e l’assessore alla cultura Renzo Rossi, ha ospitato gli alunni della scuola primaria “ G. Santucci” di Castel del Piano, in particolare le classi quarte e quinte con le loro insegnanti, per una bellissima e coinvolgente rappresentazione artistica in nome del tema scelto quest’anno dalla Regione Toscana per celebrare questa ricorrenza, vale a dire: “Art.21: tutti hanno diritto di manifestare il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”.

Gli alunni hanno rappresentato nella loro straordinaria spontaneità e bravura i temi che l’articolo 21 della nostra Costituzione individua e sancisce: il principio insito nella libertà di manifestare la propria opinione e la tutela della libertà di stampa. 

Si sono ascoltati canti, recite, richiami storici, artistici e letterari da Voltaire a Bansky, passando per Gaber e Rodari. Insomma, un volo libero e creativo sui temi cari alla tradizione e cultura toscana, che da Pietro Leopoldo in poi hanno dato senso e vita alla tutela delle libertà di ogni individuo.

“Crediamo che questo sia un modo per spiegare, soprattutto ai più giovani, che le nuove generazioni debbano prendere il testimone dei valori che la Toscana incarna – spiega l’assessore Renzo Rossi -. Ringraziamo in modo particolare le insegnanti della scuola primaria ‘G. Santucci’ di Castel del Piano, le quali hanno magistralmente dato la possibilità ai loro alunni di poter esprimere con leggerezza, trasporto e passione le loro capacità”.

“Ringraziamo inoltre la Regione Toscana ed il suo Consiglio, che dà sempre l’occasione per meditare sulle radici di pace e di giustizia del popolo toscano, per coltivare la memoria della sua storia, per attingere alla tradizione di diritti e di civiltà che in Toscana hanno trovato forte radicamento e convinta affermazione – termina Rossi -, per consegnare alle future generazioni il patrimonio di valori civili e spirituali che rappresentano la sua originale identità”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button