Ambiente

Geotermia, il comitato: “Pubblicate delibere su pozzi di ricerca, il Comune si opponga”

“Oggi, 22 febbraio, è stato pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione Toscana le delibere con cui vengono autorizzati i pozzi di ricerca profonda nel territorio del Comune di Scansano“.

A dichiararlo, in un comunicato, è il comitato Scansano Sos Geotermia.

“L’amministrazione comunale ha dieci giorni di tempo per opporsi ed evitare così che i provvedimenti diventino operativi – continua la nota -. Il Comitato Scansano Sos Geotermia si aspetta che il Sindaco e la Giunta esercitino con sollecitudine questo diritto. La Regione ha ribaltato in pochi mesi una sua decisione, concedendo i permessi per ricerche, che effettivamente sono minerarie, come ha sottolineato l’assessore Monia Monni, ma che le stesse società richiedenti definiscono propedeutiche alla costruzione di centrali geotermiche: il costo preventivato per la ricerca profonda a Pancole, per il permesso Scansano, ammonta a 12.070.411 euro; di poco inferiore è il costo preventivato per Pomonte. Per ogni sito è previsto lo scavo di due pozzi, uno in verticale e l’altro in diagonale di 3.500 metri. Il sito coprirebbe 9.500 metri quadrati, attrezzato su una soletta di calcestruzzo. Le due società richiedenti chiariscono anche che, a fine ricerca, se i risultati saranno positivi, le postazioni non saranno smantellate, in previsione dello sfruttamento del fluido geotermico con la costruzione di apposite centrali”.

“Pertanto non ha senso scindere ricerca mineraria e costruzione delle centrali, visto l’investimento così oneroso, giustificabile solamente con un successivo rientro economico – sottolinea il comitato -. La Regione, per bocca dell’assessore Monni, gioca su questa distinzione, ricordando che i due siti ricadrebbero in aree definite, dalla Regione stessa e dal Comune di Scansano, non idonee, ma il provvedimento sulle aree non idonee è stato impugnato dal Governo e allo stato attuale non è possibile sapere cosa ne sarà. Mentre è facile immaginare le pressioni che le società eserciteranno per ottenere i permessi”.

“E’ per questi motivi che il comitato Scansano Sos Geotermia non si sente affatto rassicurato dalle parole dell’assessore Monni e si schiera a fianco di chi si batterà per vie legali contro l’ennesimo tentativo di deturpare il nostro territorio e la sua vocazione agroalimentare di qualità e turismo – termina la nota -. Allo stato, le restrizioni per combattere il Covid ci impediscono di convocare un’assemblea pubblica, ma lo faremo appena possibile“.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button