Pubblicato il: 27 Maggio 2020 alle 15:28

Cultura & SpettacoliGrosseto

I musei cittadini riaprono le porte: ingresso gratuito fino al 31 luglio, ecco le norme da rispettare

Il Museo archeologico, il Museo di storia naturale, il Polo culturale Le Clarisse e il Museolab tornano ad accogliere i visitatori

I musei di Grosseto riaprono le porte dopo l’emergenza sanitaria legata al Coronavirus.

Il Museo archeologico, il Museo di storia naturale, il Polo culturale Le Clarisse e il Museolab tornano ad accogliere i visitatori con una riapertura in contemporanea: venerdì 29 maggio alle 10. E lo faranno con ingresso gratuito fino al 31 luglio.

Museo archeologico

Si prolunga la mostra evento “Oltre il Duomo” fino al 30 giugno in accordo con la Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Siena, Grosseto ed Arezzo e Diocesi di Grosseto (per prenotare la visita basterà andare sul sito sostengolacultura.it, cercare musei di Grosseto e prenotare la data e la fascia oraria di ingresso desiderate).

Previste visite libere e guidate tramite app gratuita IZI.travel e accompagnate da un operatore (solo su prenotazione per un massimo di 5 unità).

Continua la produzione dei mini video “Pillole di archeologia” con curiosità su cucina e reperti antichi.

Previste performance per bambini in spazi aperti.

L’intento è quello di costruire nuovi eventi e percorsi da proporre alla città e ai turisti, sfruttando spazi aperti e temi comuni, frutto di unità d’intenti e network tra realtà museali.

L’ingresso sarà gratuito e contingentato, 20 persone all’ora. Al momento i piani fruibili saranno il piano terra, dedicato alla storia della città etrusco-romana di Roselle, e il primo, incentrato sull’archeologia della Maremma. Il Museo diocesano non sarà al momento visitabile per l’adeguamento al protocollo anti Covid-19; sarà presto nuovamente aperto al pubblico.

L’orario del Maam sarà il seguente:

  • 29-30-31 maggio: 10-13 e 16-21;
  • 1-2 giugno: 16-21;
  • dal 3 giugno: martedì, mercoledì e giovedì ore 10-18, venerdì, sabato e domenica e festivi ore 10-13 e 16-21.

Il Museo è pronto per accogliere i visitatori in totale sicurezza. Sarà richiesto di seguire alcune regole:

  • l’ingresso è consentito solo indossando guanti e mascherina;
  • all’ingresso verrà effettuata la misurazione della temperatura corporea da parte del personale. Se la temperatura rilevata sarà superiore ai 37,5 l’ingresso a quella persona sarà interdetto;
  • l’accesso alla struttura è consentito ad un massimo di due persone alla volta, salvo minori e persone non autosufficienti;
  • l’utilizzo degli ascensori sarà riservato solo alle persone disabili;
  • il numero massimo di persone che possono entrare nel museo sarà di 20 unità. Al raggiungimento di tale limite gli ingressi saranno temporaneamente sospesi fino all’uscita delle persone al suo interno;
  • data la capienza limitata, sarà necessario per tutti rispettare un tempo di visita massimo di 1 ora;
  • all’interno delle sale i visitatori dovranno mantenere una distanza di 1,5 metri tra loro, indossare le protezioni individuali ed evitare di toccare le vetrine e i reperti esposti.

Per informazioni: https://maam.comune.grosseto.it/, tel. 0564.488752, Facebook: Museo archeologico e d’arte della Maremma, Instagram: museomaam, canale YouTube: Museo archeologico e d’arte della Maremma.

Polo culturale Le Clarisse

Riapre alle 10, con l’inaugurazione della mostra dedicata a “Pietro Aldi e Paride Pascucci nelle collezioni pubbliche di Grosseto“, al primo piano delle Clarisse, che sarà visitabile fino al 19 luglio a ingresso gratuito nei giorni di venerdì 29, sabato 30 e domenica 31 maggio, dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 21; lunedì 1° e martedì 2 giugno dalle 16 alle 20. Nel resto dei giorni la mostra sarà fruibile solo su appuntamento, sia per gruppi che per singoli visitatori, telefonando ai numeri 0564.488067, 0564.488069, 0564.488547.

In Clarisse dunque nasce uno spazio permanente dedicato al celebre pittore mancianese Pietro Aldi: un corner espositivo e informativo allestito con le due opere di proprietà comunale “L’incontro tra Radeztky e Vittorio Emanuele” e “L’incontro fra Vittorio Emanuele e Garibaldi a Teano”, finora conservate nel Teatro degli Industri.

L’iniziativa vede la collaborazione del Polo culturale Le Clarisse con il Polo culturale “Pietro Aldi” di Saturnia, di proprietà di Banca Tema e con Tema Vita, l’associazione mutualistica dello stesso istituto di credito. Inoltre, a intervalli regolari, il Polo “Aldi” concederà una sua opera in prestito. E intanto, d’intesa con la biblioteca di storia dell’arte di Montemerano, con cui Clarisse Arte sta gestendo l’inventario di tutti i dipinti di Paride Pascucci, la struttura di via Vinzaglio ha allestito sempre al primo piano una mostra dedicata proprio alle opere di Pascucci.

“Una collaborazione preziosa di cui siamo molto soddisfatti e che ci auguriamo possa far conoscere sempre di più il Polo Aldi alla nostra collettività e ai turisti – dichiara Francesco Gentili, presidente di Tema Vita -. Come associazione mutualistica legata a Banca Tema, ci impegniamo costantemente a promuovere la cultura a beneficio delle nostre comunità ed è un piacere poter condividere il nostro patrimonio con tutti coloro che visiteranno la mostra e potranno apprezzare le opere di un illustre pittore di fama nazionale nato a Manciano“.

Da venerdì 5 giugno, all’interno del Polo culturale Le Clarisse, riaprirà anche il Museo collezione Gianfranco Luzzetti, sempre a ingresso gratuito fino al 31 luglio, così come tutti i musei cittadini. In questo caso la modalità di fruizione prevede, per un mese, l’utilizzo del sistema di filodiffusione del museo per accompagnare i visitatori con un audio che li guidi lungo tutto il percorso, opera per opera, dall’ingresso all’uscita.

Museo di storia naturale

Per la riapertura proporrà brevi video dedicati ai singoli aspetti del museo che saranno visibili ai visitatori fotografando con lo smartphone un Qr-code all’ingresso, che permetterà di accedere a una pagina web dedicata: i video accompagneranno il pubblico durante la visita al museo, in tempo reale, sezione per sezione. Presto saranno fruibili anche sul nuovo sito web del Museo di storia naturale della Maremma

Il Museo sarà aperto il venerdì, il sabato e la domenica dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 21.

Museolab

Sarà aperto tutti i venerdì, a partire dal 29 maggio, dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19. Gli altri giorni su richiesta a questi contatti: tel. 0564.441110; e-mail museolab@unisi.it e pologr@unisi.it.

Il Museolab racconta la storia del centro storico di Grosseto attraverso la documentazione raccolta dal dipartimento di scienze storiche e dei beni culturali durante le ricerche urbane nel centro storico.

Le informazioni sulla città di Grosseto sono inserite nel quadro storico e naturalistico del territorio maremmano.

Il percorso espositivo, curato nel 2004 dal Polo universitario grossetano con il direzione scientifica del professor Riccardo Francovich, è strutturato per immagini e ricostruzioni grafiche basate sui documenti e i reperti archeologici. Le collezioni sono collegate ai laboratori didattici dell’Università che organizza su richiesta visite guidate alle collezioni, proiezioni e laboratori per le scuole e per il largo pubblico.

L’ingresso ai musei sarà gratuito fino al 31 luglio, ma in ogni struttura sarà disponibile un punto di raccolta per le donazioni spontanee dei visitatori, così come già accade in tante prestigiose strutture museali nel resto del mondo. In questa fase, per gestire gli accessi tramite le prenotazioni online, i tre musei cittadini partecipano alla piattaforma www.sostengolacultura.it realizzata da Studio Logico: sul sito è presente una landing page dedicata alle tre strutture, sulla quale l’utente può scegliere il museo da visitare e prenotare il giorno e l’ora della visita, ottenendo il proprio biglietto gratuito.

“I musei cittadini tornano ad accogliere i visitatori con una riapertura unica che vuole essere un segnale forte di unione e condivisione. Saranno molte le novità, soprattutto per le prescrizioni legate al contenimento del contagio da virus Covid-19 (ingressi con guanti e mascherine, visite contingentate, misurazione della temperatura all’ingresso, ecc.) – dichiarano il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna e il vicesindaco e assessore alla cultura Luca Agresti, ma siamo certi che rendere questi luoghi di nuovo fruibili, nonostante tutto ciò, sarà una grande occasione di crescita e di fiducia. Da qui, la scelta di ripartire con ingressi gratuiti: fino al 31 luglio si entrerà senza pagare il biglietto. Sarà un modo per avvicinare i cittadini all’arte, alla storia, alla scienza. Un modo per tornare a vivere in pieno la nostra città e il suo centro storico, per uscire di casa e godere del prezioso patrimonio archeologico, storico e scientifico che arricchisce Grosseto e la Maremma“.

Per prenotazioni, biglietti gratis ed eventuali donazioni: www.sostengolacultura.it

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su