Colline MetalliferePolitica

Rsa Falusi, il Tavolo della salute: “Il Pd si oppone alla riduzione dell’affitto”

“La vicenda della riduzione dell’affitto della residenza di Follonica del Falusi è paradossale, per usare un termine moderato”.

A dichiararlo, in un comunicato, sono Fiorenzo Borelli, consigliere comunale della lista civica Massa Comune, Daniele Brogi, consigliere comunale della Lega, Daniele Gasperi, del Pci delle Colline Metallifere, Paolo Mazzocco, del Tavolo della salute pubblica, e Luciano Fedeli, segretario provinciale del Pci.

“Il Pd regionale, con in testa la consigliera Spadi, boccia la richiesta di riduzione dell’affitto all’istituto Falusi, causa principale del dissesto finanziario dell’istituto – continua la nota -. La motivazione sarebbe di carattere procedurale perché non è pervenuta dai sindaci interessati, cioè quelli di Massa Marittima, Follonica e Gavorrano, nessuna richiesta in questo senso. Assurdo. Primo perché il Comune capofila è il Comune di Massa e quindi doveva essere Giuntini a farla anche se da Benini, va rilevato, non vi è stata mai sollecitazione o una presa di posizione in tal senso. Ma viene da chiederci chi dice il vero. Sì, perché Giuntini in Consiglio comunale dichiarò di essersi recato in Regione proprio per parlare della questione affitto, la prima secondo lui che doveva essere affrontata, e di avere avanzato una richiesta sulla quale vi era l’impegno, ma non erano pervenute risposte formali. Oppure se ha ragione la Spadi, quando afferma che nessuna richiesta sia pervenuta per ridurre l’affitto, il sindaco ci avrebbe raccontato una novella. Delle due una è vera e l’altra no“.

“La questione dell’affitto è una questione annosa, ci aveva lavorato Poli e se n’era occupato Brenci, interessando anche i sindaci di Massa e Follonica senza mai ricevere risposte, tant’è che è stato uno dei motivi delle dimissioni come cita nel verbale: ‘Le azioni intraprese a salvaguardia dell’Istituto non abbiano avuto esito e come, anche rispetto alle Pec inviate, non siano state fornite risposte da parte degli interlocutori istituzionali, compreso l’assessore alle politiche sociali della Regione Toscana Serena Spinelli’ e nella conclusione cita testualmente ‘…è difficile spiegare che la Regione Toscana richieda un canone di affitto di ben € 117.000 ad un altro ente pubblico per la gestione di una Rsa… come ormai acclarato, sarebbe sufficiente l’eliminazione, o la drastica riduzione, del canone di affitto per risolvere le problematiche finanziare dell’Asp Falusi applicando l’Art. 43 del Decreto Presidente GRT n. 61/2005’. Tutto questo dimostra l’ambiguità, l’infondatezza, le contraddizioni che sono tutte interne al Pd, unico responsabile dell’aver creato in questi anni volutamente una situazione ingestibile per poi risolverla, come abitudine, imponendo scelte autarchiche e di convenienza – prosegue il comunicato -. Nessuno a livello politico o istituzionale si salva, a partire dal Pd a livello locale, né la sua maggioranza capeggiata dal sindaco, né la segreteria provinciale che ha pontificato questa vergogna, né il governo regionale che è stato più volte sollecitato. Da parte nostra, nell’audizione del 16 settembre abbiamo chiesto alla Commissione un intervento sull’affitto di Marina di Levante dopo avere fatto diverse sollecitazioni per scritto e durante le due manifestazioni fatte a Firenze“.

“Chi ci rimette è il nostro Istituto Falusi. Di fronte ad una simile, incredibile, vergognosa bocciatura i primi a sollevarsi dovrebbero essere i sindaci, se non lo faranno confermeranno di aver sempre venduto fumo ai cittadini, agli anziani e a tutti gli operatori che lavorano al Falusi – termina la nota -. D’altronde, un CdA tutto Pd, ad eccezione di Paolo Mazzocco, si è dimesso dopo un anno evidentemente non per caso, ma per motivi ben fondati e in palese polemica con il sindaco Giuntini, come ben documentato”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button