Costa d'argento

Il cardinale Angelo Comastri torna in visita all’Argentario: il 30 maggio sarà a Porto Santo Stefano

Il xardinale Angelo Comastri, indimenticato parroco di Porto Santo Stefano dal 1979 al 1990, oggi Arciprete della basilica di San Pietro, Vicario generale di Papa Francesco per lo Stato della Città del Vaticano e presidente della Fabbrica di San Pietro, sarà all’Argentario sabato 30 maggio per ricevere dall’amministrazione comunale lo “Scoglio d’argento” e celebrare il 25° anniversario del suo episcopato.

“Sono molto commosso nel ricevere la comunicazione dell’assegnazione dello Scoglio d’argento alla mia persona. Sono grato a lei ed all’amministrazione comunale per questo gesto, che risveglia in me tanti bei ricordi e, soprattutto, rafforza un legame di affetto e di amicizia, che non è mai venuto meno. Gli anni trascorsi a Porto Santo Stefano sono per me indimenticabili: ho condiviso gioie e dolori e ho incontrato gente buona e limpida, famiglie solide e ancorate a sani valori, marittimi e lavoratori leali e onesti nello svolgimento dei loro compiti. Il 30 maggio, mese dedicato alla Madonna, sarò con voi secondo gli accordi presi con don Sandro Lusini. Ancora ringrazio e auguro ogni bene a lei e a tutta la comunità di Monte Argentario”. 

Con queste toccanti parole inviate al sindaco Arturo Cerulli, il cardinale Comastri ha accolto l’invito del primo cittadino e ringraziato la comunità di Monte Argentario.

La cerimonia

La cerimonia di consegna dello Scoglio d’argento, che rappresenta la prima assegnazione di questo riconoscimento, si terrà sabato 30 maggio, alle 16.30, nel Palazzo municipale, alla presenza delle autorità.

La visita del cardinale alla comunità proseguirà con la messa nella chiesa di Santo Stefano per celebrare il 25° anno di Episcopato di Comastri.

Don Angelo fu infatti consacrato vescovo il 12 settembre 1990 sul lungomare dei Navigatori.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button