Attualità

La Turchia si ritira dalla Convenzione di Istanbul, “La Maremma a fianco delle Donne”: “Sdegno e preoccupazione”

“La Maremma a fianco delle Donne” ha appreso con sgomento e sdegno dalla stampa la notizia del ritiro della Turchia dalla Convenzione di Istanbul. La notizia è stata resa pubblica durante la notte tra venerdì 19 e sabato 20 marzo dal Presidente turco Erdoğan e ha immediatamente suscitato l’indignata reazione delle donne turche e di tutte le donne e uomini del mondo civile che da anni si impegnano per il contrasto alla violenza di genere e per la lotta contro il femminicidio. E ciò è avvenuto, nonostante sia stata proprio la città del Bosforo a dare il nome alla Convenzione del 2011 e ratificata l’anno dopo (anche se poi non è stata mai applicata), seguita da altri 32 Paesi, che sono divenuti 45 nel corso degli anni, compresa l’Italia, Paesi che in tal modo hanno assunto l’obbligo di tutelare i diritti delle donne nel prevenire la violenza maschile.

“Il ritiro dalla Convenzione significa cancellare la promessa di combattere la violenza, lasciando donne e bambine in una situazione di terrore, con la possibilità di tornare a subire soprusi di ogni genere, come il matrimonio forzato, lo stalking, la sterilizzazione e l’aborto forzati, la violenza psicologica, coniugale e domestica, lo stupro, i delitti d’onore, e apre la strada ad una pericolosa deriva maschilista, riportando indietro l’orologio dei diritti umani di decenni – dichiara Olga Ciaramella, consigliere provinciale delegato alle Pari opportunità, in nome e per conto della rete provinciale ‘La Maremma a fianco delle donne’ -. La preoccupazione cresce quando leggiamo che anche altri Stati stanno dando segnali reazionari non ratificando la Convenzione, come la Lituania, la Moldavia, l’Ucraina, l’Armenia, la Lettonia, la Slovacchia, il Regno Unito, nonostante i numeri sulla violenza abbiano raggiunto picchi drammatici. Altri Paesi non hanno mai voluto firmarla, come la Russia e l’Azerbaigian; altri, come l’Egitto, stanno proponendo al Parlamento una nuova legge che mette in serio rischio la dignità e i diritti delle donne, nel silenzio preoccupante di tutti“.

“La violenza sulle donne e il femminicidio sono un problema sempre più diffuso in tutto il mondo e la Convenzione di Istanbul rappresenta il primo strumento e trattato internazionale che impegna i Governi ad adottare una legislazione che contrasti la violenza in ogni suo aspetto, evidenziando la disuguaglianza di genere come causa  primaria della violenza – continua Olga Ciaramella. Nel 2017 l’Italia è stata segnalata dalla Corte europea dei diritti umani per ‘il mancato rispetto degli obblighi in materia di prevenzione, protezione e assistenza nei casi di violenza domestica’, e negli  anni seguenti è stata chiamata a fornire i dati sui progressi raggiunti. Tutt’oggi esistono nel nostro Paese ostacoli che ‘impediscono un’effettiva protezione delle donne vittime di violenza e l’assenza di concrete politiche di prevenzione’ a causa dell’inefficacia delle riforme poste in essere dal Governo, ma anche per un sistema socio-culturale ancora troppo tollerante verso la violenza di genere e maschilista”.

“La rete ‘La Maremma a fianco delle Donne’ chiede con voce forte e chiara alle istituzioni nazionali ed europee di condannare senza mezze misure la decisione del Governo turco. Una decisione che va contrastata con tutti i mezzi e gli strumenti a disposizione per continuare a sottolineare l’importanza della libertà e dei diritti delle donne conquistati con fatica e che riguardano i diritti di tutti i cittadini e le cittadine – conclude Olga Ciaramella -. ‘La Maremma a fianco delle Donne’ si è adoperata per contrastare la scelta dissennata della Turchia firmando la petizione promossa dalla piattaforma change.org, per ribadire con forza il concetto che la violenza sulle donne è una violazione dei diritti umani da combattere con leggi adeguate, con azioni di prevenzione e un’istruzione consapevole“.

Hanno aderito e firmato il comunicato:

Alessandra Gammin, presidente Anli, Amalia De Biasio, dipendente Amministrazione Provinciale, Ambra Fontani Presidente CPO Massa Marittima, Angela Sargentoni Azienda Il Fiorino, Anna Ciaramella, Anna Rita Borelli Dirigente Scolastica, Anna Zammiello dipendente Amministrazione Provinciale, Antonella Stassi Referente Sindacato UGL, Arianna Picci dipendente amministrazione Provinciale, Aurelia Palombi insegnante, Michele Bianchi Assessore Comune di Scarlino, Caterina Capocchi  Associazione di Volontariato la Casa di Hilde, Catia Segnini consulente programmi di sviluppo,  Catia Lolini direttrice RSA San Giovanni di Scansano e Villa Pizzetti,  Cristina Cherubini, Chiara Piccini Vice sindaco e ass. PO comune di Orbetello, Chiara Veltroni Ass. PO comune di Grosseto, Cinzia Carini, Claudio Pagliara referente USL Codice Rosa,  Concetta Relli referente Istituzione le Mura,  Daniela De Angelis Direttrice La Peschiera, Daniela Generali Società Vemar, Daniela Vignali Ass. PO Comune di Manciano, Daniele Bambagioni Vice sindaco comune di Campagnatico, Deborah Scalabrelli  Personal Trainer, Donatella Saccocci insegnante, Doriana Melosini presidente CPO comune di Magliano in Toscana, Eleonora Bucci referente Sindacato CGIL, Eleonora Pellegrini Presidente CPO comune di Roccastrada, Elisa Ginanneschi, Elisa Sgai  consigliere PO comune di Civitella Paganico, Elisa Tognietti  consigliera delegata PO comune Castiglione della Pescaia, Fausto Brandi Presidente ADMO, Federica Frusoni Presidente PO comune di Grosseto, Flora Poli Vice Presidente CPO comune di Scarlino, Francesca Bartolini, Francesca Carpenetti, Francesca Garofalo,  Francesco Ciompi Ass. PO comune di Follonica,  Loredana Marletta referente Coordinamento Donne  Ust CISL  Grosseto, Gabriella Dedonato referente Prefettura, Giovanni Tombari presidente Fondazione Grosseto Cultura, Giuseppina Scotti Presidente Unitre Grosseto, Gloria Mazzi  Presidente provinciale Clubs Lions Distretto n. 9 Graziella Bisti, Gucci Grazia ass. PO comune di Massa Marittima, Ilene  Irene Lauretti Ass. PO comune di Pitigliano, Ilene Caporali,  Irene Marconi Ass. comune di Massa Marittima, Irma Fanteria referente Proloco Grosseto, Jodie Cutler  Presidente Ass. Insieme contro la sordità,  Joy Asti,  Julia Buzzelli,  Caterina Ristori referente Fondazione Grosseto Cultura, Laura Zamperini Vice sindaco comune di Roccalbegna e referente Unione dei Comuni, Linda Martinelli Presidente CPO comune di Scarlino, Loriana Landi referente La Farfalla, Luca Grisanti Sindaco comune di Campagnatico, Luca Pallini Vice sindaco comune di Manciano, Lucia Capaccioli avvocato Club Soroptimist, Lucia Bonelli, Lucia Gracili, Lucia Sani dipendente comune di Grosseto, Luciano Petrucci Sindaco comune di Semproniano, Catia Costoli, Marcella Mercantelli commissaria CPO comune di Massa Marittima, Marco Barzanti, Marco Ciaramella, Marco Gentili, Margherita Procopio vice commissario aggiunto Questura di Grosseto, Maria Bellagamba, Marletta Loredana, Maura Mordini refrente Fondazione Polo Universitario Grossetano, Mauro Innocenti imprenditore, Mauro Mancianti musicista, Mirella Pastorelli vice sindaco eass. PO comune di Magliano in Toscana, Miriam Parricchi, Morena Bigiarini, Neda Buzzelli, Nicoletta Farmeschi referente  Dirigente Scolastico Provinciale, Odette Bibbiani, Paola Ciaramella, Patrizia Boaselli insegnante, Patrizia Cirianni  funzionario scolastico, Patrizia Mannini, funzionario comune di Grosseto, Patrizia Nalesso Club Soroptimist, Patrizia Passalacqua Ass. di Volontariato / Centro Antiviolenza  Olympia De Gouge, Patrizia Puccini Ass.  PO comune di Capalbio, Patrizia Siveri referente Sindacato UIL, Patrizia Subissati, Patrizia Valerio, Patrizia Zuccherini, Pecci Cristina,   Rita Gozzi Azienda La Stazione, Roberta Saccani Agente Immobiliare, Roberto Aureli insegnante, Roberto Breschi  Lions  Club  Salebrum Castiglione della Pescaia, Roberto Carrucola Ass. Comune di Sorano, Rosaria Gallucci, Rosi Susanna Azienda  Rosi Pneumatici, Rossella Chessa insegnante, Rosalia Uguzzoni, Sabrina Gaglianone Presidente Centro Antiviolenza Olympia de Gouge, Santina Russo, Serena Piccardi referente Forum del Volontariato Follonica,  Silvia Travison Ass. PO comune di Scarlino, Simona Mazzocchi Referente Ass. Il Mosaico, Sonia Capperucci Presidente Club Soroptimist Grosseto, Stefania Luschi presidente Ass. Volontariato e centro antiviolenza Il Mandorlo Gavorrano, Stefania Marconi Direttrice Hotel Boutique Torre di Cala Piccola, Stefania Matassi dipendente comunale, Stefania Pacciani consigliere PO comune di Roccastrada , Stefania Ricci Centro Commerciale Aurelia Antica, Stefania Sorrenti avvocato dipendente Amministrazione Provinciale, Stefania Ulivieri Ass. PO comune di Gavorrano, Stefano Caselli, Susy Giacomelli, Antonetta Mondelli, Tiziana Pecchia, Tiziana Tamborrini dipendente Amministrazione Provinciale, Umberto Carini presidente Proloco Grosseto, Vania Gallotta Presidente CPO comune  Castiglione della Pescaia

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button