Politica

Balneari, il Pd: “Estensione concessioni non è merito del Comune, Centinaio si informi meglio”

Se per il balneari di Grosseto lo spettro della direttiva Bolkestein è stato scongiurato non è certo merito dell’assessore Riccardo Megale e del sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna, come sostiene l’ex ministro leghista Centinaio. Voglio ricordare che il Comune di Grosseto non è stato il primo, ma ha esteso le concessioni demaniali marittime del settore balneare solo dopo altri comuni, come Castiglione della Pescaia che avevano applicato la norma molto tempo prima”.

Sono queste le parole del responsabile turismo della segreteria provinciale del Partito Democratico, Davide Bartolini, a seguito delle dichiarazioni rilasciate dall’ex ministro della Lega Gianmarco Centinaio, intervenuto a Marina di Grosseto.

L’ex ministro leghista evidentemente non è stato informato bene – aggiunge Bartolini  – perché il Comune di Grosseto ha applicato la norma solo ai primi di maggio quando la stessa legge dell’ex ministro Centinaio risale al marzo 2018 e le linee guida regionali del marzo 2019. Anche in questo caso l’applicazione di una normativa che doveva essere cosa dovuta è stata sbandierata come ‘eccezionale’. Ma non solo, oggi il Comune si prende anche il merito di essere stato il primo quando invece è arrivato tra gli ultimi, settore ritardatari e distratti. A Centinaio non lo hanno detto, ma questo episodio di pura propaganda nasconde la verità di un’amministrazione comunale che ha sempre manifestato il disinteresse cronico per un settore vitale per il nostro turismo, ma non perde l’occasione di attaccarsi medagliette sul petto“.

Se i balneari di Marina e Principina e di tutta la Maremma sono riusciti a portare in fondo la stagione è anche grazie alla Regione Toscana, che ha coordinato al meglio non solo la fase di ripartenza dopo l’emergenza coronavirus, ma è riuscita a dare risposte certe e in tempi adeguati all’organizzazione degli stabilimenti balneari”, conclude Davide Bartolini.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button