Home GrossetoAttualità Grosseto Come navigare sicuri in rete

Come navigare sicuri in rete

di Redazione
0 commento 41 views

Navigare sicuri in rete non è certamente una cosa scontata. Sì, perché noi tutti, molte volte, diamo per scontate delle cose che non lo sono affatto. Come, appunto, la protezione dei nostri dati personali (e non solo). Anche se non siamo più a inizio anni 2000, comunque la prudenza non è mai troppa. Ovvio che, oggi, magari, ci sono degli ‘scudi’ che rendono più difficoltosa una fregatura. Però, comunque, ciò non vuol dire che si è protetti al massimo.

Del resto, è un attimo che si abbassa la guardia e chi non dovrebbe si ‘prende’ il nostro telefono. A quel punto sono davvero dolori. Puoi incappare in una sorta di ricatto oppure pregiudicare la tua reputazione. Quante notizie di ricatto in tal senso leggi sul web e in tv? Certo, anche il fatto che manchi proprio un percorso di educazione al digitale non facilita il compito. Però, proprio per questo, è importante seguire alcune linee guida. 

Ecco, quindi, alcuni consigli utili per poter visitare tutti i siti che si vuole in sicurezza. Che, è meglio ribadirlo ancora una volta, non è mai al 100%.

Affidarsi a siti certificati, dove possibile

Il primo ‘trucco’, che è quello più consigliato da tutti, riguarda la navigazione di siti sicuri. Oggi, con le tante fake news in giro, capita tante volte di andare su portali la cui sicurezza non è assolutamente garantita. Magari solo perché scrivono ciò che noi vogliamo sentirci dire. I siti delle cosiddette bufale o, per dirla in inglese, ‘fake news’. Perché, spesso, quei siti non sono altro che portatori di soldi e di entrate. Per chi li gestisce e li diffonde, ovviamente. 

Eppure, per ogni settore (o quasi), le istituzioni stilano una lista di siti sicuri, come quelli certificati su https://casinoaams.net, in cui davvero è quasi impossibile prendere virus o robe del genere. Certo, la tentazione di prendere vie traverse, di farsi coinvolgere da qualcosa che è molto conveniente, è molto allettante.

Però ricorda che nessuno fa niente per niente. Magari, a fronte di notizie che reputi più affidabili, di aspetti più convenienti, c’è il prezzo da pagare, come quello di dare i propri dati o esporsi a una navigazione che non è affatto sicura.

A te la scelta. Vuoi lasciare i tuoi dati tranquillamente o vuoi pagare un po’ in più, ma essere sicuro di navigare in maniera protetta?

Non cliccare su link sospetti

Ogni giorno riceviamo mail ‘finte’ da presunte istituzioni che ci devono comunicare qualcosa. Noi ci caschiamo, clicchiamo sul link e siamo sottoposti a ricatti. Una scena già vista tante volte che, però, ancora oggi ha preso il largo.

Una consuetudine, purtroppo, così diffusa che tante banche/istituti di credito/enti dicono espressamente che non mandano mail, né sms a nessuno in modo da non far generare il dubbio. È la soluzione estrema che hanno adottato per non far rubare soldi o, comunque, far entrare persone nel proprio device. Perché, ti assicuriamo, che le mail di pishing sono davvero molto simili alle mail ufficiali delle istituzioni. Soprattutto dal cellulare, è davvero difficile capire quando la mail è ‘vera’ e quando è ‘falsa’.

Del resto, il ‘gioco’ è molto semplice: praticamente, ti arriva un avviso via mail in cui devi fare un’operazione in cui sei ‘costretto’ a entrare su un sito. La struttura della mail è molto simile a quelle ufficiali e, quindi, è facile cascarci. Una volta cliccato su quel sito, è come se una persona si prendesse possesso del tuo pc.

Non scaricare qualsiasi programma

Se non l’hai voluto espressamente tu, se non sei sul sito ufficiale (o affidabile), non scaricare alcun programma clone. Soprattutto se, magari, è a pagamento e tu non vuoi pagarlo. Del resto, perché un programma a pagamento dovrebbe essere scaricato gratis? Cosa ci guadagna chi lo propone? Ecco, poniti questa domanda e poi avrai dei dubbi.

Il ‘pagamento’ potrebbe essere, ad esempio, una raccolta dati non proprio legittima, oppure l’invio di una sorta di virus che, poi, per eliminarlo c’è bisogno di pagare un riscatto. Basta semplicemente un attimo di riflessione e pensarci un secondo di più.

La gatta per far presto fece i figli ciechi, dice un vecchio detto. Ecco, pensa sempre a questo proverbio prima di agire. 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy