CronacaIn evidenza

Firmato il Patto per la Sicurezza: nasce una sinergia tra forze dell’ordine ed enti locali per proteggere i cittadini

Stamani, nel Palazzo del Governo, è stato sottoscritto il Patto per la Sicurezza tra la Prefettura di Grosseto, la Regione Toscana, l’Amministrazione provinciale ed i Comuni di Grosseto, Follonica, Monte Argentario e Orbetello.

Il documento è stato siglato dal Prefetto di Grosseto, Marco Valentini; dall’Assessore della Regione Toscana, Salvatore Allocca; dal Presidente dell’Amministrazione provinciale, Leonardo Marras; dall’Assessore del Comune di Grosseto, Arsenio Carosi, che ha fatto le veci del Sindaco Bonifazi; dal Sindaco di Follonica Eleonora Baldi; dal Sindaco di Monte Argentario, Arturo Cerulli e dal Sindaco di Orbetello Monica Paffetti.

Il Patto rappresenta uno strumento atto a perseguire aggiornati modelli di governo della sicurezza pubblica e della sicurezza urbana, attraverso progetti destinati a dispiegarsi nei prossimi mesi e che saranno promossi e valutati dalla Cabina di Regia, organo di governo del Patto di cui fanno parte rappresentanti delle forze dell’ordine e delle istituzioni e che si riunirà ogni sei mesi per monitorare l’andamento dell’iniziativa.

Il Patto per la Sicurezza prevede la realizzazione di sei progetti operativi riguardanti: sicurezza integrata e controllo del territorio, sicurezza stradale, prevenzione antimafia, prevenzione situazionale e videosorveglianza, prevenzione sociale e aree di degrado, educazione alla legalità.

Nell’ambito del Patto sono stanziate somme per complessivi 1.670,714 euro ed è in corso la definizione del contributo della Regione Toscana, che ha comunicato di aver già stanziato 100.000 euro.

Il Patto ha durata biennale ed è aperto all’adesione di altri Comuni della Provincia, anche limitatamente ad alcune specifiche iniziative.

“A partire dalla fine degli anni ’90 il Patto è stato adottato con ottimi risultati in altre città italiane – ha dichiarato il Prefetto di Grosseto, Marco Valentinie sono certo che avrà successo anche nella nostra provincia. Gli enti locali possono fornire un contributo determinante in termini di sicurezza del territorio, congiuntamente allo sforzo profuso dalle forze dell’ordine. Questa unità di intenti permetterà alla provincia di Grosseto di migliorare la qualità di vita dei cittadini e garantirà loro una maggiore protezione nella quotidianità. Inoltre, il livello di criminalità potrà essere monitorato con attenzione, mentre saranno poste in atto azioni per contrastare il lavoro nero ed incrementare la sicurezza stradale ”.

“Il Patto è una positiva intuizione da parte di tutte le istituzioni – ha commentato il Presidente della Provincia, Leonardo Marras -. Si tratta di una risposta concreta per la vita della comunità. In un periodo molto incerto e difficoltoso come quello attuale, i singoli cittadini si sentono più vulnerabili, ma questa iniziativa risponde bene alla richiesta di protezione da parte della collettività”.

“Ho seguito con grande partecipazione lo sviluppo del Patto per la Sicurezza – ha affermato Salvatore Allocca, assessore regionale alla Legalità -. E questa iniziativa permetterà di instaurare quella politica di buon vicinato indispensabile per consentire ai cittadini di vivere serenamente ogni angolo del proprio territorio. Il tema della sicurezza racchiude una vasta gamma di problemi, che possono essere debellati anche grazie ad una puntuale circolazione di informazioni fra istituzioni e forze dell’ordine. Mettendo in pratica questo tipo di politica si potranno analizzare dati certi sui fenomeni di criminalità e apportare quindi i provvedimenti necessari per migliorare la sicurezza dei cittadini”.

Clicca qui per consultare il testo integrale del Patto per la Sicurezza.

Fonte foto: www.prefettura.it/grosseto

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button