Pubblicato il: 3 Novembre 2013 alle 12:55

Castiglione della PescaiaCronaca

Cacciatore spara ad un cane e lo ferisce mortalmente. La Lav:”Il colpevole deve pagare, la caccia va abolita”


Argo
Argo, un incrocio di pastore tedesco di sei anni (nella foto), è stato colpito ieri pomeriggio, intorno alle 15, da una fucilata che gli ha strappato la mandibola. Il fatto è avvenuto in località Ampio, nel comune di Castiglione della Pescaia.

Argo si trovava in un terreno privato recintato dove stava passeggiando insieme al padrone, Rolando Albani. Erano a pochi passi da casa, quando si sono imbattuti in una squadra di caccia.

Ho visto uno dei cacciatori puntare il fucile oltre la recinzione e fare fuoco su Argo che era a qualche metro da me – ha raccontato Albani alla Lav –, dopodiché si è giustificato dicendo di averlo scambiato con un cinghiale”.

Dopo il colpo, Argo, con la mandibola divelta dal proiettile, è fuggito in un oliveto, dove Albani lo ha recuperato per portarlo d’urgenza in clinica. Prima però ha chiamato i carabinieri e poi la Lav. Nessuno dei cacciatori che hanno assistito alla scena lo ha aiutato a soccorrere il cane, anzi all’arrivo dei militari la squadra si era già allontanata.

Le condizioni dell’animale erano gravissime e i veterinari hanno avuto la sola scelta dell’eutanasia.

Non posso credere che si sia trattato di un errore – ha spiegato Albaniperché Argo era di fronte a me, il terreno in quel punto è libero e chi ha sparato non distava più di una quindicina di metri dal cane”.

Una vera tragedia che dimostra ancora una volta come la caccia sia una pratica da abolire che costituisce un pericolo per tutti”, è il commento della Lav Grosseto.

Non ci sono parole per commentare simili episodi – dichiara Giacomo Bottinelli, responsabile Lav Grosseto – e siamo certi che i carabinieri individueranno il colpevole che rischia fino a due anni di carcere in base all’articolo 544 bis del codice penale. In ogni zona può cacciare una sola squadra al cinghiale e le battute devono essere registrate. Ci stupiremmo se chi ha fatto fuoco non fosse identificabile. La Lav è pronta a costituirsi parte civile nel processo, ma prima di tutto è importante che la gente comprenda il pericolo pubblico che la caccia costituisce, oltre ad essere causa della morte di innumerevoli animali innocenti”.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su