Home Amiata Cresce la raccolta differenziata in provincia di Grosseto: tutti i dati

Cresce la raccolta differenziata in provincia di Grosseto: tutti i dati

Il Comune più virtuoso dell'Ato Toscana Sud è Arcidosso, che arriva al 78,48%

di Redazione
0 commento 78 views

Grosseto. Come ogni anno, la Regione Toscana ha pubblicato i dati che certificano per ogni Comune le percentuali di raccolta differenziata raggiunte. I dati pubblicati da Arrr (Agenzia regionale recupero risorse) si riferiscono alle raccolte differenziate dell’anno 2022 e rilevano nel territorio dell’Ato Toscana Sud una percentuale di raccolta differenziata del 55,24% con un incremento di quasi 2 punti rispetto al 2021.

Il bacino in cui svolge i servizi Sei Toscana cresce per l’ottavo anno consecutivo, superando per la prima voglia la soglia del 55%, riducendo ancora il gap storico rispetto agli altri due ambiti territoriali ottimali toscani, che registrano comunque una miglior performance generale.

In Toscana, nel 2022, sono state prodotte 2,155 milioni di tonnellate di rifiuti urbani, con una produzione media pro capite di 590 chili per abitante (in leggero calo rispetto al 2021). La percentuale media di raccolta differenziata regionale si attesta al 65,68% (era al 64,18 nel 2021).

“Siamo soddisfatti, ma c’è ancora tanto da fare – commenta il presidente di Sei Toscana, Alessandro Fabbrini –. I dati confermano il trend di crescita costante per il nostro territorio che, solo negli ultimi cinque anni, ha registrato un incremento di quasi quindici punti. Nella seconda metà del 2022 abbiamo iniziato le riorganizzazioni legate al nostro nuovo piano industriale e le previsioni indicano una crescita ancor più significativa anche per l’anno in corso. Resta però necessario concentrarsi non solo e non tanto sulla quantità, ma sulla qualità. Solo una buona raccolta differenziata, una raccolta differenziata di qualità apre la strada al riciclo, ed è proprio al massimo riciclo possibile dei materiali che dobbiamo mirare”

I dati di Arrr certificano una crescita per tutte le province servite da Sei Toscana, così come per i comuni capoluogo: Grosseto e Siena crescono di oltre 4 punti percentuale passando, rispettivamente, dal 55,71% e 57,82% del 2021 al 59,81% e al 62,03% del 2022. Arezzo al 54,30% (+2,62%). Segno più anche per Piombino che si assesta al 41,60%.

Aumentano anche i Comuni che superano il 65% di raccolta differenziata: nel 2022 sono 32, 9 in provincia di Arezzo, 8 nel grossetano e 15 nella provincia senese.

Il Comune più virtuoso dell’Ato Toscana Sud è Arcidosso, che arriva al 78,48%, mentre quelli che registrano incrementi più significativi sono Seggiano (+33%), Orbetello (+21%), Capalbio (+17%), Santa Fiora (+16%) e Loro Ciuffenna (+13%).

Sopra il 70% di raccolta differenziata i comuni di Capolona (78,32% con un aumento di oltre 4 punti rispetto al 2021), Civitella in Val di Chiana (77,02%), Monte San Savino (73,74%), Subbiano (75,93%), Chianciano Terme (76,63%), Chiusi (76,77%), Monteroni d’Arbia (73,89%), Radicofani (78,40%), Sarteano (74,83% con +4,75 punti rispetto al 2021) e Torrita di Siena (71,69%).

“I territori che registrano una maggiore crescita sono quei comuni dove le amministrazioni locali e Sei Toscana hanno dato vita, negli ultimi tempi, a una profonda riorganizzazione dei servizi – prosegue Fabbrini –. Seguendo le linee guida del nostro nuovo piano industriale, stiamo proseguendo il lavoro in modo progressivo nell’intero ambito e contiamo di superare il 70% di differenziata nei prossimi cinque anni”.

Provincia di Grosseto

Nel 2022, la provincia di Grosseto fa registrare sia il comune più virtuoso dell’intero ambito territoriale della Toscana meridionale, Arcidosso al 78,48%, che quello che cresce maggiormente rispetto all’anno passato, Seggiano (51,16%, +33,35 punti rispetto al 2021). Balzo in avanti di 21 punti per Orbetello (53,90%) e per Capalbio, che cresce di 17 punti rispetto al 2021 assestandosi al 42,97% e Santa Fiora che passa dal 48 al 64,33% (+16). Si confermano virtuosi Magliano in Toscana (69,11%), Castell’Azzara (69,29%), Castel del Piano (69,61%), Gavorrano (69,62, +7,23), Massa Marittima (65,68%, +4,13) e Montieri (67,39%, +4,17).

Il capoluogo Grosseto conferma il trend di crescita e registra un aumento di oltre 4 punti, sfiorando il 60% e attestandosi al 59,81%. Complessivamente, nel 2022, nella provincia di Grosseto (215.973 abitanti) sono state prodotte 139.006 tonnellate di rifiuti, con il 55,79% di differenziata (+3,6% rispetto l’anno precedente).

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy