Notizie dagli Enti

Piano delle assunzioni, Vivarelli Colonna:”Opposizione non conosce funzionamento Provincia”

L’opposizione accusa l’amministrazione di un piano delle assunzioni a loro dire poco chiaro, chiedendo una risposta che era già arrivata in maniera rapida e tempestiva, ma che oggi torniamo a ribadire“.

A dichiararlo è il presidente della Provincia di Grosseto, Antonfrancesco Vivarelli Colonna.

“Voglio ricordare all’opposizione che ci accusa di aver assunto pochi cantonieri, che queste figure non si occupano degli interventi riguardanti scuole e strade, ma che il compito viene affidato, ormai da tempo, ad ingegneri ed altre figure tecniche ed amministrative; da qui la necessità di integrare nell’organico queste figure che in Provincia sono quasi del tutto assenti – spiega Vivarelli Colonna. La richiesta dell’opposizione denota quindi una mancanza di conoscenza dell’organizzazione della Provincia, facendo riferimento ad un sistema ormai vetusto. Mentre l’opposizione si preoccupa solo della manutenzione di strade e scuole, vogliamo far presente che esistono molte altre figure da implementare nell’organico: nell’aggiornamento del piano assunzioni si terrà conto anche di queste importanti categorie. Relativamente alla stabilizzazione del personale precario, le amministrazioni pubbliche non sono obbligate ad indire procedure concorsuali a tal riguardo, ma il fine ultimo delle procedure deve comunque essere quello di attuare il principio costituzionale del buon andamento della Pubblica Amministrazione“.

“Voglio dunque ricordare che la scelta delle assunzioni non è individuata secondo criteri di casualità, ma dietro al piano assunzionale c’è uno studio approfondito del fabbisogno dell’ente. Tale fabbisogno non riuscirà mai ad essere del tutto soddisfatto a causa della legge Delrio, che ha imposto alle Province l’esubero del 50% del personale tecnico ed amministrativo, figure importantissime, fondamentali per gli enti provinciali – sottolinea Vivarelli Colonna. Ma soprattutto, bisognerebbe tener conto del sacrificio e delle difficoltà con cui la Provincia sta continuando ad offrire servizi fondamentali ai cittadini, in un regime di perenne scarsità di risorse e poco personale. Per cui una domanda sorge spontanea: dov’era l’opposizione quando nel 2014 veniva permessa la più grande opera di creazione del precariato nazionale che ha afflitto numerosissime famiglie? Nonostante queste difficoltà siamo riusciti a creare un piano triennale del fabbisogno in grado di assicurare 11 assunzioni, prevedendo un ulteriore potenziamento con altre 13 nuove unità di personale nel corso dell’anno“.

“Abbiamo trovato anche il modo di efficientare la struttura organizzativa dell’Ente, grazie ad un modello innovativo che ha permesso lo snellimento della burocrazia, accorpando più funzioni in una sola figura, come ad esempio affidando il ruolo del direttore generale al segretario generale – termina Vivarelli Colonna, senza spese aggiuntive“.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button