Pubblicato il: 9 Gennaio 2020 alle 15:45

AmiataScuola

“Nido di fate”: ecco tutti gli studenti vincitori del premio letterario

Tantissimi i giovani provenienti da varie parti della Toscana

Brillano i giovani talenti della scrittura creativa sul podio del “Nido di Fate”, premio letterario amiatino di Arcidosso, alla seconda edizione per le scuole secondarie di primo e secondo grado.

Per la sezione “Giovani scrittori”, il vincitore Oliver Serini frequenta l’Istituto enogastronomico di Massa Marittima, Anna Capuccini e Marta Bizzarri, seconde classificate, frequentano il Liceo delle scienze umane di Arcidosso e il Liceo classico di Massa Marittima, Anya Crocetti e Melissa Sarti terze, classificate, frequentano il Liceo classico di Aulla.

La vincitrice del premio Avis Sharon Sterpin frequenta il Liceo “Buonarroti” di Pisa, mentre l’altro vincitore ex-aequo Alessandro Arieti, insieme alle seconde classificate Alessia Cammeletti e Ginevra Lollerini, è del Liceo scientifico di Cecina.

Anna Capuccini vince anche il premio “Vallati miglior giovane scrittore amiatino”.

Sabato 4 e domenica 5 gennaio, in un affollatissimo Teatro degli Unanimi di Arcidosso, alla presenza delle autorità si è svolta in tre eventi la premiazione del premio letterario amiatino “Nido di Fate”, giunto alla terza edizione per la scuola primaria e alla seconda edizione per le scuole di grado secondario: sabato, in due turni, sono stati festeggiati tantissimi alunni della scuola primaria di Arcidosso (sezione “Piccoli scrittori”), mentre domenica, con un unico evento, sono stati salutati e premiati con vari riconoscimenti gli studenti della scuola secondaria di primo grado di Arcidosso (sezione “Scrittori in erba”) e delle scuole secondarie di secondo grado della Toscana (sezione “Giovani scrittori”).

Tantissimi i giovani provenienti da varie parti della Toscana: tanto calore ed entusiasmo anche da parte delle famiglie che li accompagnavano, per tante un’occasione preziosa per scoprire le bellezze del territorio amiatino.

Nell’evento di domenica i finalisti della sezione “Scrittori in erba” si sono distinti sul palco per simpatia e spontaneità, trascinati da Mario Malinverno, che li stuzzicava nella gara per aggiudicarsi il premio “Lappa Pitch”, uno dei due premi speciali in palio. L’altro premio speciale era il “Lappa Writer”, da assegnare a chi avesse interpretato in modo più originale uno dei due temi assegnati, “Abbi cura di me” e “Una storia a km zero”. Vincitrice Matilde Montani della classe prima (200 euro), seguita da Filippo Minucci, Elisa Bechini e Giacomo Fusi (anche per loro premi in denaro).

I più grandi, i “Giovani scrittori”, sono saliti più volte sul palco con la loro bellezza, eleganza e bravura: delle tante decine di racconti pervenuti da tutta la Toscana sono stati estratti piccoli brani che sono andati a comporre un testo unico in cui è stata ricreata una tipica storia adolescenziale di amore, caduta, e rinascita, ovvero un percorso alla ricerca della felicità, che è anche il tema sul quale ognuno si era cimentato in modo creativo e brillante; il testo è stato letto durante la cerimonia suddiviso in tre atti.

Si segnalano anche i seguenti riconoscimenti.

Menzione speciale “Nido di Fate” a Marta Tomaselli del Liceo artistico di Pistoia per un lodevole saggio sulla felicità (extra-concorso), Sofia Maestrini del Liceo classico di Massa Marittima, Rachele Bolognini del Liceo classico di Montecatini Terme, Sara Allal del Liceo scientifico di Pisa e Chiara di Muro del Liceo scientifico di Capannori.

Menzione “Giovani promesse” a Marta Bizzarri (come sopra), Vittoria Valsecchi dell’Isis di Arcidosso, Elena Amheti del Liceo classico di Aulla e Samuele Maka del Polo tecnologico di Grosseto.

I vincitori assoluti della sezione “Scrittori in erba” e “Giovani scrittori” sono stati premiati dal sindaco Jacopo Marini che, durante la cerimonia, ha anche citato una poesia di Eugenio Montale attinente al tema della felicità; i vincitori dei premi Avis sono stati premiati dal presidente Avis locale Sergio Bresciani.

Tanti i soggetti che credono in questa iniziativa e che gli organizzatori ringraziano: l’amministrazione comunale per aver patrocinato l’evento, l’Avis per il contributo dato nelle premiazioni di quattro studenti, l’associazione turistica Pro Loco per il patrocinio e per aver offerto i premi ai partecipanti della scuola primaria, della scuola media e delle scuole superiori.

Importante l’apporto della life-coach Luisa Rosini, che ha aggiunto ulteriori gratificazioni ai ragazzi. Ringraziamenti anche per Vallati s.r.l. per aver sostenuto il premio al miglior giovane scrittore amiatino, e Luisa Rosini, che ha sostenuto il premio assegnato a uno dei due terzi classificati, e quindi farmacia Ugurgieri, ottica Colombini, Bar Centrale che, insieme alla Pro Loco, hanno sostenuto il premio assegnato a uno dei due secondi classificati. Ringraziamenti anche per Why Not e l’edicola Nanni.

Per il buffet offerto durante i tre eventi gli organizzatori ringraziano Corsini Biscotti, Fantoni Lisetta, Bindi Luciano e Panificio Francesco, mentre, per la collaborazione artistica, il Mondo Magico e Michele Guidarini; ringraziano anche Mario Malinverno, Lorella Minelli, Omozitto e Filippo Bardelli per la brillante presentazione degli eventi.  Un grazie particolare alla presidente della giuria, la professoressa Isetta Ragnini, e con lei a tutti i giurati e all’intero comitato letterario “Nido di Fate” e ad Adriano Crescenzi per le attività di coordinamento e di intrattenimento degli ospiti che ha condotto alla scoperta delle bellezze locali.

Il premio letterario è un concorso a tutti gli effetti: non diverso dalle competizioni canore o sportive a cui i bambini partecipano fin dalla più tenera età; oltre ad offrire una preziosa occasione per esercitarsi nella scrittura creativa, questa prova invita a tirare fuori il meglio di sé, educa al confronto con l’altro, al rispetto, e al senso della “prova”.

Gli organizzatori ringraziano, quindi, tutte le scuole che hanno collaborato e che hanno promosso il premio presso gli alunni ma, soprattutto, le famiglie, che hanno dato il consenso e, quindi, ringraziano tutti i piccoli e giovani partecipanti, che sono il vero e unico motore di questo premio che si avvia a diventare un appuntamento culturale fisso ad Arcidosso, il primo nel suo genere in tutta l’Amiata.

Seguirà nei prossimi mesi il debutto della prima edizione “Adulti”.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su