Costa d'argentoPolitica

Ex Eurocom, Lanzillo: “Riunirò tutte le parti per arrivare ad una soluzione”

Sulla vicenda della ex Eurocom di La Torba è necessario un intervento importante, perché, nonostante una prima bonifica, restano grandi interrogativi, preoccupazioni e dubbi sullo stato di inquinamento del sito”.

Il candidato sindaco di “Capalbio Domani” Valerio Lanzillo analizza la situazione di una delle criticità ambientali del territorio comunale.

“La struttura – afferma Lanzillodopo il sequestro del marzo 2004 risulta abbandonata, i locali nel corso del tempo sono stati svuotati dagli ufficiali giudiziari che, in esecuzione dei pignoramenti immobiliari, hanno portato via tutto, computer, sedie, tavoli, piccole attrezzature, armadietti. Questo per far capire lo stato di degrado in cui oggi l’ex Eurocom versa”.

Un degrado che resta nonostante la nomina di un custode e che porta con sé molte preoccupazioni. “Lo stato di abbandono è evidente – sostiene il candidato sindaco di ‘Capalbio Domani’ -. Un’area, che proprio per gli inquinanti trattati durante l’attività dell’azienda poi chiusa, avrebbe dovuto seguire le prescrizioni e le bonifiche previste dalla direttiva Seveso”.

Per capire la situazione, ma soprattutto per avere rassicurazioni o richiedere azioni, Valerio Lanzillo ha pronto un piano. “Uno dei primi atti da sindaco – afferma – sarà quello di mettere seduti attorno ad un tavolo il custode giudiziario, l’Asl, l’Arpat e i tecnici del Comune per avere chiara la situazione, esaminare le criticità e mettere in campo azioni di contrasto di eventuali agenti inquinanti che dovessero essere presenti nonostante la prima bonifica. La mia preoccupazione, da medico e da amministratore, è quella della salute dei cittadini e non posso tollerare che possa essere messa a dura prova da un sito in stato di abbandono da 15 anni e che potrebbe restarlo per molto tempo ancora”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button