Salute

Influenza, partita la campagna vaccinale: tutte le informazioni

Pediatri di libera scelta e medici di medicina generale in prima fila

E’ partita il 14 ottobre scorso la campagna antinfluenzale 2022-2023 per i soggetti a rischio e con priorità. I vaccini sono disponibili dal medico di medicina generale e dal pediatra di libera scelta.

Dal 10 ottobre era partita anche la vaccinazione per gli ospiti delle residenze sanitarie assistenziali, dove l’Asl Toscana sud est agisce di concerto con i medici di medicina generale.

L’Azienda ha a disposizione 150mila dosi di vaccino quadrivalente, 16mila di quadrivalente pediatrico,70mila di quadrivalente adiuvato e 4mila dosi di quadrivalente ad alto dosaggio, indirizzate alle Rsa. Possono essere vaccinati gratuitamente i soggetti fragili e over 60.

Il vaccino antinfluenzale ad alte dosi sarà utilizzato per gli ospiti della residenze per anziani, il quadrivalente pediatrico per i bambini con più di sei mesi e il quadrivalente adiuvato per chi ha più di settanta anni e presenta anche patologie concomitanti. Anche le donne in gravidanza rientrano tra i gruppi a rischio a cui sarà offerta la vaccinazione.

La durata della protezione attivata dal vaccino, dopo circa due settimane dalla somministrazione, dura fino a sei od otto mesi, per poi decrescere.

La campagna non ha scadenza: ci si potrà vaccinare anche oltre il 31 dicembre 2022. Come già negli anni passati, è confermata la possibilità di somministrare l’antinfluenzale con antipneumococcico o quello antiCovid-19.

Per chi è gratuita la vaccinazione

Per tutti gli over 60, tutti i bambini da 6 mesi a 6 anni, gli operatori e residenti di strutture assistenziali, con o senza patologie croniche; donne in gravidanza, indipendentemente all’età gestazionale o in post partum; medici e personale sanitario di assistenza nelle strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali; soggetti di qualunque età ricoverati presso strutture per lungodegenti; persone rientranti nella fascia d’età 6 mesi-59 anni con patologie croniche che espongono a elevato rischio di complicanze o di ricoveri correlati all’influenza (compresi i conviventi); addetti ai servizi pubblici di primario interesse collettivo (forze dell’ordine e protezione civile, compresi i vigili del fuoco, carabinieri, militari e la polizia municipale; personale dei trasporti pubblici, delle poste e delle comunicazioni, volontari dei servizi sanitari di emergenza e dipendenti della pubblica amministrazione che svolgono servizi essenziali); personale che, per motivi di lavoro, è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani; volontari in ambito sociosanitario e donatori di sangue.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button