Pubblicato il: 4 Dicembre 2014 alle 11:16

CinemaFollonica

“Va’ pensiero”: a Follonica un film per dire “No” al razzismo

Sabato 6 dicembre, alle 21.30, nella sala Tirreno di via Bicocchi, il Comune di Follonica, in collaborazione con l’associazione “Gattopicchio” della Città del Golfo e del FolloWme Festival 2014, presenta “Va’ pensiero – Storie ambulanti”, un film di  Dagmawi Yimer, che sarà presente alla serata.

La trama del film

“Va’ pensiero”, film del 2013, è il racconto incrociato di due aggressioni razziste a Milano e Firenze e della complicata ricomposizione dei frammenti di vita dei sopravvissuti.

Milano: Mohamed Ba, 50 anni, griot, attore e educatore senegalese residente in Italia da 14 anni, viene accoltellato il 31 maggio 2009 in pieno giorno, nel centro di Milano.

Firenze: Mor e Cheikh, immigrati anche loro dal Senegal e residenti a Firenze, vengono colpiti il 13 dicembre 2011 mentre sono al lavoro al mercato di San Lorenzo.

Le storie dei tre protagonisti s’incrociano nel racconto delle loro drammatiche esperienze di vita e, malgrado tutto, delle loro speranze di continuare a vivere in Italia, con la continua paura e incertezza di incrociare uno sguardo o un gesto che li riporti al momento dell’aggressione.

Il regista Dagmawi Yimer, rifugiato dall’Etiopia, racconta la violenza dal punto di vista di chi l’ha subita: “Géwel, in Wolof, significa fare un cerchio intorno a una persona. Il griot è colui che ha il dono della parola e tramanda le memoria del gruppo, è un poeta, un cantastorie. Attraverso le sue metafore, il griot accompagna il racconto degli avvenimenti partendo da un passato remoto che sembra continuare a perseguitare le vittime. L’aggressione che hanno subito i protagonisti del film mi colpisce non solo in quanto tale, ma perché rivela la fragilità della condizione migrante in Italia. Non volevo fare scoop, ma raccontare le emozioni, le paure, i tentativi di rinascita, di chi, da un giorno all’altro, scopre di essere vittima di un odio omicida soltanto per il proprio colore della pelle. Un film che aiuti il ‘migrante’ ad uscire dall’anonimato e l’opinione pubblica a riscoprire l’uomo dietro la vittima”.

Insieme al regista, parteciperanno alla serata Giulio Cederna, dell’Archivio memorie migranti di Roma (associazione produtttrice del film) e il regista Agostino Ferrente (già a Follonica nei mesi passati per presentare il suo film “Le cose belle”).

Il film ha avuto il patrocinio del Consiglio dei Ministri e del Ministro per l’integrazione.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su