Economia

Gessi rossi a Pietratonda, Usb: “No al ricatto di Venator, Confindustria e sindacati”

Questa estate è iniziata una battaglia importante, nei comuni di Civitella Paganico e Campagnatico: quella contro il deposito di un milione di metri cubi dei gessi rossi, generati dagli scarti di lavorazione del biossido di titanio, nella cava di Pietratonda”.

A dichiararlo, in un comunicato, è la federazione del sociale di Usb Toscana.

“Il comitato di Paganico che ha iniziato la mobilitazione, l’informazione e la lotta, ha sostenuto e documentato che non si tratta di un ripristino dei profili preesistenti della cava, ma di una discarica senza i previsti impianti prescritti dalla legge ed è riuscito a far entrare nella battaglia pubblica anche il Comune di competenza, cioè Campagnatico, che con Grisanti inizialmente era stato in silenzio – continua la nota –. Il comitato ha raccolto tra i cittadini molte firme per ottenere un’inchiesta pubblica e poter dare ai cittadini anche le informazioni contrarie al progetto voluto dalla Venator, ex Tioxide, multinazionale americana, ma la Regione non l’ha concessa. Da notare il silenzio del sindaco e presidente della Provincia Vivarelli Colonna: nonostante gli uffici tecnici pubblici abbiano segnalato rischi di inquinamento delle falde idriche che arrivano sotto la città di Grosseto, si è infine esposto qualche settimana fa lodando la Venator assieme a Confindustria Grosseto”.

“Nei giorni scorsi è stato dato alla stampa un vergognoso comunicato congiunto di Cgil, Cisl e Uil, che non chiede maggiori informazioni e un dibattito pubblico, ma si limita a scagliarsi contro comitati e ambientalisti, accusandoli di non difendere i lavoratori e le lavoratrici della Venator. Questo allineamento dei confederali alle ragioni di Confindustria è lo stesso che vediamo a Santa Fiora con la geotermia, con l’avallo del Pd. A Livello regionale lo vediamo a Carrara, con l’escavazione selvaggia che provoca lo sversamento della marmettola, prodotto cancerogeno come il gesso rosso, anche lì c’è la stessa ammucchiata confederali\Confindustria che si comporta allo stesso modo con il ricatto occupazionale legato anche all’arte, noi anche l’ come Usb e movimenti stiamo lottando per la difesa dell’ambiente – termina il comunicato. A livello nazionale lo vediamo con la inutile e dannosa Tav in Piemonte e con la mortale Ilva di Taranto. Anche qui noi vorremmo dire ai lavoratori e alle lavoratrici della Venator, che non vogliono subire il ricatto, che contrapporre lavoro a salute e diritti è sempre sbagliato. Ma sta alla politica dare ad essi una risposta alternativa, invece che allinearsi acriticamente al padronato e in particolare ad una multinazionale con sede negli Usa nella propria subalterna impotenza“.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button