Cultura & SpettacoliGrosseto

“Urbania”: le foto di Giuseppe Guerrini in mostra al Cassero

Durante l'inaugurazione è prevista la performance site-specific della Compagnia Francesca Selva

Gran finale di “Respiri di Bellezza” con la mostra fotografica “Urbania” di Giuseppe Guerrini.

Giovedì 23 giugno, alle 16.00, alla Galleria La Troniera del Cassero, si terrà l’inaugurazione di questo grande evento dedicato ai cittadini di Grosseto, che potranno vere la loro città e i suoi luoghi simbolo attraverso uno sguardo inedito e in bianco e nero.

Sono le parole di Lisa Lambrecht, Monica Lenzi, Cesare Baldo, Alessandro Nardini e David la Mantia che ci restituiscono il lavoro dell’artista. Con le sue foto Giuseppe Guerrini ci fa fermare, ci fa osservare un nuovo mondo, no anzi il solito, ma con occhi diversi, “occhiali” diversi. Nuove prospettive di angoli più o meno conosciuti della città assumono una nuova identità, evocando altri luoghi e conducendo l’osservatore in nuove realtà. Questi scatti, infatti, sussurrano la propria storia attraverso la loro matericità, spesso segnata dal tempo vissuto, mentre il dinamismo delle visioni prospettiche e il movimento dei cieli plumbei prendono per mano chi si sofferma a guardare per condurlo nella dimensione del viaggio nei ricordi.

La fotografia di Giuseppe Guerrini non estromette, si guarda dentro. L’umano è un accidente raro che lascia residui in disordine. Il resto è uno spigolo, e taglia, e il graffio ostile, il grido, il luogo crudo. Il disordine resta. Ed è apocalisse: l’incubo in dissolvenza. L’unica direzione è divergente. Lo stile di Giuseppe Guerrini è animato da una forte empatia con la città ed il suo territorio. Per cui, questi scatti ci raccontano sempre una storia diversa, con una chiave di interpretazione che ci accompagna nei piccoli particolari di una città che, in qualche modo, non ha mai abbondonato la sua principale caratteristica storico – sociale. E dunque la fotografia diventa un racconto prezioso capace di restituirci la memoria anche a distanza di anni. Queste immagini, in definitiva, delineano una Grosseto un po’ dimenticata, attraversata senza consapevolezza, una Grosseto scomparsa o nascosta. Una città da capire o almeno da ricordare, per comprendere da dove veniamo e quale destino ci attende.

Durante l’inaugurazione è prevista la performance di danza site-specific della coreografa italo-francese Francesca Selva con musica dal vivo della violoncellista Catherine Daniela Bruni. Danzeranno Silvia Bastianelli, Luciano Nuzzolese, Maria Vittoria Feltre, Claudia Mazziotti e Andreas Ziegler, che hanno interpretato al meglio le coreografie ispirate liberamente ispirate alla storia dei Veneti di Maremma, un centinaio di famiglie venete che nei primi anni ’30 del secolo scorso emigrarono ad Alberese nel pieno cuore del Parco regionale della Maremma, la cui memoria è raccontata attraverso i video raccolti e realizzati da Luigi Zannetti per il progetto “NextStage – Dei Racconti e delle storie”.

La mostra resterà aperta fino al 6 luglio tutti i giorni, dalle 18.00 alle 20.00. Ingresso libero.

La rassegna “Respiri di Bellezza” è promossa da Con.Cor.D.A./Compagnia Francesca e da Istituzione Le Mura, realizzata con il contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, il patrocinio di Regione Toscana e Comune di Grosseto nell’ambito del progetto “NextStage – Dei Racconti e delle storie”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button