Pubblicato il: 30 Aprile 2017 alle 22:01

Attualità

Un flash mob per dire no alle persecuzioni omofobe in Cecenia

Ieri, a Grosseto si è svolto un flash mob per mostrare solidarietà alle vittime delle persecuzioni omofobe in Cecenia.

La manifestazione è stata organizzata dal Collettivo Transfemminista Queer di Grosseto “Sirena Guerrilla” e si è svolta alle 17 in Piazza del Duomo. I manifestanti hanno distribuito ai passanti fasce nere da mettere al braccio in segno di lutto e triangolini rosa da appuntare al petto in analogia al segno di riconoscimento imposto agli omosessuali nella Germania nazista. Inoltre, i presenti hanno svolto una piccola performance: al suono di una sirena, si sono gettati a terra per il minuto di silenzio in solidarietà alle vittime. Al termine della manifestazione, le e gli attivisti sono entrati in Comune per lasciare in regalo la bandiera arcobaleno della pace nella speranza che il Comune decida di esporla. La consigliera Olga Ciaramella, presente, ha accettato la bandiera e si è fermata per un breve dialogo con il gruppo.
Il Collettivo Transfemminista Queer Grosseto “Sirena Guerrilla” è un collettivo autonomo indipendente nato per informare.

Le associazioni che hanno partecipato e appoggiato ufficialmente l’evento:
Amnesty International Grosseto, Arcigay Leonardo da Vinci, Arci Comitato Provinciale, Arci khorakanè, ANPI , Associazione Raccontincontri – Libreria delle ragazze, Associazione Rosa Parks, Centro Antiviolenza Olympia de Gouges, Collettivo Sempre in lotta, Collettivo Bianciardi 2022, Enjoy rainbow people party, Forum Cittadini del Mondo, Kansassìti, La Valigia Rossa, Legambiente, Non Una Di Meno Grosseto, Rete Antidiscriminazione Nessuno Escluso Rete Studenti medi, Rifondazione Comunista.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su