Colline MetallifereCronaca

Uil Polizia penitenziaria: “Ispettore aggredito in carcere, struttura ormai inadeguata”

Nel tardo pomeriggio di ieri, presso la casa circondariale di Massa Marittima, è avvenuta un’aggressione nei confronti di un Ispettore capo di Polizia penitenziaria, responsabile della sorveglianza generale. È stato colpito al volto con pugni e ferito con un vetro da parte di un detenuto di origini tunisine, procurandogli lesioni sull’avambraccio e tumefazioni al volto (8 giorni di prognosi)”.

A dichiararlo, in un comunicato, è il coordinamento provinciale della UilPa Polizia penitenziaria.

“L’autore dell’aggressione, dal momento del suo ingresso, ha anche danneggiato due camere detentive rendendolo inidonee all’uso – continua la nota -. Purtroppo, la Uil Polizia penitenziaria ha da molto tempo allarmato il Provveditorato della Toscana e il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria dell’impossibilità di ritenere l’istituto di Massa Marittima come una casa circondariale; ma purtroppo i nostri interventi non sono andati a buon fine e pertanto presso la circondariale di massa Marittima continuano ad arrivare nuovi giunti.

“Dopo quest’aggressione, la Uil Polizia Penitenziaria ribadisce nuovamente che non è più possibile considerare l’istituto come circondariale perché privo di vigilanza perimetrale, privo di alcuni elementi di sicurezza interna, è un istituto lontano da tribunale e Procura (il che comporta dispendio di denaro, di risorse umane) – sottolinea il sindacato -. Per tali motivi continuiamo a batterci per il nostro traguardo, ovvero la realizzazione di una nuova struttura penitenziaria nella ex caserma Barbetti. Dopo il passaggio di tale area al Ministero della Giustizia non è avvenuto nulla, nemmeno la prima pietra. La Uil Polizia penitenziaria, coordinata dal segretario regionale Eleuterio Grieco e dal segretario provinciale Francesco Sansone, lanciano un grido di allarme a tutte le istituzioni militari e civili e autorità politiche della città di Grosseto, affinchè si metta fine all’annosa questione dell’urgente costruzione di un nuovo istituto penitenziario”.

“Inoltre riteniamo che il Provveditorato della Toscana, presieduto dal Dirigente generale Carmelo Cantone, debba considerare assolutamente l’istituto di Massa Marittima diversamente da un circondariale per le ragioni su indicate – termina la nota -. Concludiamo, auspicando che per le aggressioni, come quella di ieri, ormai numerose nei confronti del personale di Polizia penitenziaria, abbiano risvolti incisivi ed immediati verso gli autori”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button