Cultura & Spettacoli

“Toscanacci”: lo spettacolo con Paolo Hendel rende omaggio a Luciano Bianciardi

Lo spettacolo sarà trasmesso in diretta streaming venerdì 26 febbraio, alle 21

Ci sarà da ridere con “Toscanacci. Risate e altri anticorpi – Speciale Luciano Bianciardi“.

Lo spettacolo, prodotto da Guascone Teatro, con Paolo Hendel, Riccardo Goretti e Andrea Kaemmerle, e organizzato dal Comune di Grosseto in collaborazione con Fondazione Toscana Spettacolo onlus, sarà in diretta streaming venerdì 26 febbraio, alle 21, sul canale YouTube dei teatri di Grosseto, “Teatri di Grosseto official”.

“Toscanacci” è il frutto di un lungo percorso che Guascone Teatro ha iniziato alla fine degli anni Novanta per recuperare e rilanciare la comicità toscana, quella tagliente e sagace di chi è capace di giocare con i grandi dubbi dell’umanità e con le debolezze dell’uomo. Lo spettacolo si basa su un postulato preciso: solo l’ironia salverà il mondo. Quella lirica, appassionata e colta. L’esperto Paolo Hendel, con Riccardo Goretti, nuova stella del teatro contemporaneo, e Andrea Kaemmerle, anima clownesca, riversano sulla scena una grande quantità di lazzi e dolci provocazioni, accostando energie e tecniche eterogenee. “Toscanacci” riporta la comicità nella sua naturale dimensione salvifica e rivoluzionaria, liberatoria e complice. A questo si aggiunge un ingrediente casuale: i tre attori si vogliono bene, qualcosa li unisce in modo invisibile ma forte. E visto che sarà Grosseto a fare da sfondo a questo spettacolo, particolare attenzione verrà dedicata a Luciano Bianciardi, autore grossetano sagace e tagliente, non solo grande scrittore del Novecento italiano, ma anche pensatore eccellente e moderno saggista, giornalista, traduttore e critico televisivo.

Per assistere allo spettacolo occorre acquistare un biglietto (3 euro) sul sito www.liveticket.it, che darà diritto a un link per assicurarsi la visione sul canale YouTube “Teatri di Grosseto official”. La vendita dei biglietti per “Toscanacci” sarà chiusa alle 16 di venerdì 26 febbraio. Per informazioni chiamare il numero 334.1030779.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button