CinemaColline MetallifereCultura & Spettacoli

“Tekoser- Il partigiano Orso”: il documentario proiettato in biblioteca

L'iniziativa è in programma domenica 6 novembre, alle 17

Domenica 6 novembre, nei locali della biblioteca di Massa Marittima, alle 17, il Centro di solidarietà internazionalista dell’alta Maremma organizzerà la proiezione del docufilm “Tekoser – Il partigiano Orso“, la storia politica e umana di Lorenzo Orsetti, morto a 33 anni in Siria combattendo contro l’isis.

“Lorenzo era un partigiano ed era andato in Rojava perché credeva nell’Internazionalismo, quella idea che impegna a lottare senza considerare i limiti dei confini nazionali e porta a sostenere tutti i popoli – si legge in una nota del Centro di solidarietà internazionalista dell’alta Maremma. La scelta di Lorenzo è stata una scelta coraggiosa e radicale, in controtendenza con la nostra società del benessere e dell’individualismo: un giovane che lascia amici, lavoro, la sua città… per andare in terre lontane, dove si vive in una realtà di guerra, impegnandosi a realizzare quei valori in cui credeva come la libertà per tutti, la giustizia, la dignità di ognuno, la democrazia reale che nasce dal basso, la parità dei sessi e per questi valori è disposto anche a donare la sua vita”.

“Come Centro internazionalista vogliamo ricordare la sua storia perché crediamo che sia giusto farne memoria, ricordandoci che occorre prendere coraggiosamente posizione rispetto alle ingiustizie del mondo. Il documentario è stato diretto da Dario Salvetti, portavoce del collettivo di fabbrica GkN. All’iniziativa sarà presente Alessandro Orsetti, papà di Lorenzo, e ci sarà un approfondimento sulla situazione attuale in Kurdistan e in Rojava a cura di Alberto Mari, osservatore ed esperto storico della questione mediorientale – termina il comunicato. La presente iniziativa servirà per raccogliere fondi per il progetto ‘Oltre le sbarre’ dell’Associazione verso il Kurdistan, a sostegno delle famiglie dei prigionieri politici kurdi, che come Centro di solidarietà internazionalista sosteniamo da molti anni“.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button