Economia

Anche dopo il divieto del Bitcoin, la Cina rappresenta ancora il 20% del tasso di hash

Il Bitcoin è un investimento robusto e resistente, come dimostra il divieto di estrazione attuato dalla Cina nel 2021

Quando si valuta un titolo, è importante prevedere il valore potenziale della società in futuro. Una parte dell’analisi dovrebbe includere la longevità dell’azienda stessa. Una buona azienda dovrebbe rimanere in vita, anche se ha subito un colpo significativo nella sua infrastruttura o nel prezzo delle sue azioni. Il titolo di un’azienda in grado di resistere a diversi tipi di attacchi e pressioni può essere un titolo da acquistare.

Una commodity, invece, resterà in circolazione indipendentemente dalle aziende che la producono. In quest’ottica, il Bitcoin sembra essere più una merce che un’azione della rete Bitcoin. Tuttavia, si applica lo stesso principio di investimento: gli investitori che acquistano Bitcoin dovrebbero avere fiducia nella solidità della rete Bitcoin. Se il divieto di estrazione di Bitcoin in Cina del 2021 ci ha insegnato qualcosa, è che il Bitcoin ha una rete robusta.

Il divieto di mining in Cina del 2021

Nel maggio 2021, la Cina ha vietato il mining di Bitcoin in tutto il Paese. Poco dopo si è verificato un esodo massiccio di minatori di Bitcoin. Sono fuggiti in Paesi vicini come il Kazakistan e fino al Texas. Di conseguenza, il tasso di hash del Bitcoin è sceso del 50% nel giro di una notte.

Il tasso di hash è una misura del numero di computer che contribuiscono alla rete. Il tasso di hash è una misura approssimativa della sicurezza della rete Bitcoin. Più alto è l’hash rate, maggiore è la sicurezza. Quindi, quando il 50% della sicurezza va offline, è ragionevole aspettarsi che la rete abbia prestazioni degradate o sia vulnerabile agli attacchi. Quali sono stati gli effetti reali del divieto di mining di Bitcoin?

Impatto del divieto

Il risultato del divieto è stato che i minatori di Bitcoin hanno lasciato la Cina. La blockchain Bitcoin ha continuato a produrre blocchi a una velocità di circa 10 minuti per blocco. I minatori che hanno continuato a gestire la rete lo hanno fatto senza interruzioni. Entro sei mesi dal divieto, i minatori che hanno lasciato il Paese sono tornati online in nuove località geografiche, anche per fare trading su piattaforme lì vietate come Bitalpha AI. La cosa importante da notare, dal punto di vista della resilienza degli investimenti, è che la rete Bitcoin non ha subito rallentamenti e non è stata più o meno soggetta ad attacchi. Dubitiamo che un’azienda che ha appena licenziato il 50% della sua forza lavoro possa mantenere la sua efficienza operativa.

Ripristino dei minatori in Cina

Un anno dopo, nel maggio 2022, alcuni rapporti affermano che ben il 20% del tasso di hash di Bitcoin proviene ancora dalla Cina. Nonostante il divieto di mining di Bitcoin, alcune operazioni hanno scelto di rimanere online, rischiando conseguenze legali. Sono tre gli elementi che permettono ai minatori di rimanere operativi contro la volontà dell’autorità centrale. In primo luogo, la Cina è un Paese geograficamente vasto, che rende difficile smantellare o distruggere completamente le operazioni di mining di Bitcoin. In secondo luogo, la Cina ha un’eccedenza di energia idroelettrica, il che significa che i minatori possono acquistare l’energia a prezzi molto bassi. Infine, i minatori possono connettersi e utilizzare Internet attraverso i satelliti. Questi tre fatti rendono qualsiasi operazione di Bitcoin di piccole o medie dimensioni difficile da individuare e chiudere definitivamente.

Il Bitcoin è robusto

In qualità di investitore in Bitcoin del Nord America, il divieto imposto dalla Cina dice che chiudere tutti i minatori di Bitcoin è più difficile che metterli semplicemente fuori legge. Inoltre, se un Paese riesce a spingere i minatori fuori dai propri confini, questo non significa che sia la fine per il Bitcoin. I minatori stessi sono abbastanza resistenti da cercare altri luoghi dove far funzionare le apparecchiature. Nel frattempo, i minatori situati in altri Paesi (come gli Stati Uniti) sono felici e in grado di mantenere la rete in funzione senza alcun degrado percettibile delle prestazioni. Questo ci dice che, come minimo, dovremmo essere in grado di accedere e utilizzare il Bitcoin indipendentemente dal clima politico.

Il prezzo del Bitcoin è malleabile

L’avvertimento all’intera tesi di investimento secondo cui il Bitcoin è solido è che, a differenza della rete Bitcoin che mostra resilienza, il prezzo è ancora suscettibile di interventi politici. Dopo che la Cina ha annunciato il divieto di utilizzo del Bitcoin nel maggio 2021, il prezzo del Bitcoin è sceso di oltre il 50% rispetto ai massimi storici. La percezione pubblica degli eventi era che l’esodo dei minatori avrebbe danneggiato la rete. Questo ha spinto alcuni investitori a vendere Bitcoin in previsione di danni strutturali a lungo termine che non si sono verificati. Noi siamo tranquilli, sapendo che in futuro potremo inviare e fare transazioni con il Bitcoin, perché abbiamo fiducia che la rete persisterà. Tuttavia, non sappiamo quale sarà il suo valore. Il prezzo del Bitcoin non è semplicemente durevole quanto la rete che lo gestisce.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button