Follonica

Follonica: gli studenti combattono lo spreco alimentare con la “Good Food Bag”

La sesta edizione della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti, che quest’anno si svolge dal 22 al 30 novembre, nasce con l’obiettivo di sensibilizzare le istituzioni, gli stakeholder e tutti i consumatori sulle strategie e le politiche di prevenzione dei rifiuti messe in atto dall’Unione Europea e che gli Stati membri devono perseguire.

Il tema di questa edizione è la lotta allo spreco alimentare.

Noi abbiamo deciso di intraprendere alcune azioni specifiche – dichiara l’assessore comunale di Follonica Mirjam Giorgieriche possano limitare l’impatto sull’ambiente, riducendo la quantità di rifiuti, partendo dalla condivisione di strategie e dalla sensibilizzazione, snodi necessari affinchè  il nostro obiettivo possa diventare l’obiettivo di tutti e sia così sentito e più facilmente realizzabile. Abbiamo infatti iniziato con la sottoscrizione della petizione, indetta dall’associazione ‘Comuni virtuosi’ all’interno della campagna ‘Meno rifiuti, più benessere in 10 mosse’: un decalogo per sollecitare il mondo della produzione e della distribuzione a compiere 10 azioni nel breve e medio termine, finalizzati ad alleggerire l’impatto ambientale di imballaggi e per promuovere soluzioni e prodotti riutilizzabili anziché l’usa e getta”.

Inoltre, abbiamo organizzato alcuni incontri con la grande distribuzione alimentare presente nel territorio follonichese, al fine di condividere proprio il decalogo promosso dall’associazione ‘Comuni virtuosi’. Questi incontri sono stati positivi ed hanno raccolto l’entusiasmo dei soggetti coinvolti, che ci hanno addirittura stimolato a personalizzare le azioni previste calandole su Follonica e stringendo un vero patto su quanto sia realmente possibile e funzionale alla riduzione degli sprechi e dei rifiuti – continua l’assessore. Abbiamo anche puntato l’attenzione sui più piccoli, che sono poi le persone che possono garantirci un futuro migliore. Infatti, nelle prossime settimane sarà in distribuzione, ad alcune classi della scuola primaria di ambedue gli istituti comprensivi, la ‘Good Food Bag’, una borsina per il trasporto di cibo avanzato ai ragazzi dopo la mensa scolastica. Lo scopo è ovviamente la lotta allo spreco alimentare e siamo certi che sarà un messaggio efficace”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button