Pubblicato il: 14 Novembre 2015 alle 18:44

Attualità

Strage di Parigi, vescovo Rodolfo e sindaco Bonifazi: “Vicini ai fratelli francesi”

Il vescovo Rodolfo, profondamente colpito e scosso dalla tragedia che ha colpito al cuore Parigi, nel rivolgere a Dio la preghiera per tutte le vittime e per le istituzioni francesi, chiamate a fronteggiare uno snodo drammatico della loro storia, vuole inviare un messaggio che aiuti tutti a non distogliere lo sguardo da ciò che è essenziale.

“Non permettiamo alla paura – dichiara mons. Cetoloni – di spegnere la certezza del bene che tutti cerchiamo e che è e resta l’eredità che Gesù ci ha consegnato: figli, tutti, nel Figlio. In questo momento abbiamo bisogno di segni, ma anche di silenzio, di preghiera e di fortezza. Domani in tutte le parrocchie, su invito della presidenza della Conferenza Episcopale Italiana, nelle Messe festive pregheremo il Dio della vita per le vittime e per tutti noi, affinché non si spenga nel cuore dei credenti in Cristo e in tutte le persone di buona volontà la passione per la pace, per la fraternità, per l’uomo. Come Chiesa italiana siamo appena rientrati da Firenze, dove ci siamo interrogati sul nuovo umanesimo radicato in Gesù: è prima di tutto uno stile che deve investire ogni nostra relazione con gli altri e con le realtà che ci occupano e ci impegnano ad offrire sempre e comunque risposte che abbiamo il profumo buono del Vangelo. Ora più che mai, per evitare il rischio che paura e risentimento ci facciano dimenticare la fonte e la radice della nostra fede: Cristo Gesù, principe della pace, e che, oltre al dolore e alla rabbia, facciano annidare in noi sentimenti di odio e vendetta che mai hanno aiutato a cercare e a costruire giustizia e umanità”.

BonifaziAnche il sindaco di Grosseto, Emilio Bonifazi è intervenuto sugli attentati a Parigi: “Di fronte alla follia terroristica che ha colpito il cuore di Parigi e dei francesi può esistere solo una risposta comune europea, proprio perché siamo tutti coinvolti. Il dolore e la solidarietà per quanto accaduto devono essere un monito per ognuno di noi, amministratori e cittadini; una politica estera unica dell’UE può affrontare la crisi e le guerre che stanno attraversando il Medio Oriente. Solo un impegno comune sarà infatti in grado di garantire sia la nostra sicurezza di cittadini che il rispetto dei valori di democrazia e libertà contro ogni odio e intolleranza dei quali gli europei sono sempre andati fieri. Il compito di forze dell’ordine e istituzioni, nelle grandi città come nelle piccole, è adesso quello di presidiare il territorio senza assecondare chi, anche in queste ore, è capace solamente di proporre violenza indiscriminata come risposta alla violenza indiscriminata. Voglio esprimere, a nome di tutti i grossetani, la vicinanza agli amici francesi che stanno vivendo ore terribili ma adesso tutti noi siamo attesi da una grande prova di responsabilità e maturità democratica. E non possiamo permetterci di fallire stravolgendo i nostri valori perché allora si, che sarebbe davvero la vittoria del ‘terrore’”.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su