Pubblicato il: 6 Dicembre 2019 alle 12:34

Cultura & SpettacoliGrosseto

“Storia dell’occhio”: musica e poesia arricchiscono la mostra “Dune”

Continua al Polo culturale Le Clarisse la mostra “Dune – Arti paesaggi utopie“, che sabato 7 dicembre, alle 19, si arricchisce di un’occasione di ascolto preziosa: il reading “Storia dell’occhio“, una produzione di Astragali Teatro di Lecce, con Fabio Tolledi (voce) e Mauro Tre (piano).

Se il tema principale di “Dune” è stata la reinvenzione dei luoghi della natura attraverso l’arte, con “Storia dell’occhio” Tolledi e Tre ci trasportano dentro il suono stesso della poesia.

Suono, musica e poesia si intrecciano, tessono trame nel corpo, nella voce. Georges Bataille ne “L’Erotismo” definisce la poesia come “il mare che si unisce al cielo”: da qui è iniziato il cammino dei due artisti per scoprire ancora una volta come il suono della poesia possa reinventare il mondo, abitarlo poeticamente nella voce che vibra, trasformare i luoghi.

Fabio Tolledi, direttore artistico di Astràgali Teatro, è poeta, drammaturgo e regista; è presidente del Centro Italiano dell’ International Theatre Institute – Iti Unesco e vicepresidente del Network mondiale dell’Iti. Ha portato le sue regie, workshop, progetti in più di 40 Stati in tutto il mondo, in maniera particolare in Paesi in guerra e conflitto. Dirige due residenze artistiche a Lecce e San Cesario.

Mauro Tre è pianista e compositore; fondatore del progetto Intensive Jazz, suona in formazioni elettriche passando dal free al funk all’acid jazz. A questo percorso si affianca la collaborazione con Astragali Teatro per la produzione di musiche di scena, e la realizzazione di performance ispirate alle ricerche più avanzate della scena musicale contemporanea.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su