Pubblicato il: 3 Febbraio 2015 alle 13:19

Politica

Accorpamento Camera di commercio, i sindacati: “Serve dibattito ampio e condiviso”

Abbiamo ricevuto e pubblichiamo integralmente un comunicato congiunto di Claudio Renzetti, segretario della Cgil Grosseto, e Fabrizio Milani, segretario della Cisl di Grosseto, sugli accorpamenti della Camera di commercio:

Cgil e Cisl di Grosseto sono preoccupate per la piega presa dal dibattito sugli accorpamenti fra Camere di commercio, con l’ipotesi di accordo praticamente già chiuso tra quella di Livorno e Grosseto. Dopo la demagogia esercitata a vario titolo dal Governo nazionale sulla chiusura delle Provincie, infatti, temiamo si riproponga un cliché oramai trito che non tiene conto dei problemi reali.

Prima di bruciare le tappe optando o meno per Livorno – la decisione va presa entro il 28 febbraio – sarebbe opportuno che i diversi livelli locali di governo facessero le proprie valutazioni in modo trasparente. Magari partendo dalla presa d’atto che, piaccia o meno, i principali servizi pubblici si sono organizzati sulla base dell’Area vasta Toscana sud: sanità, rifiuti, trasporto pubblico locale e servizio idrico integrato, ai quali in termini economici sono associati i relativi indotti. Stesso modello organizzativo, ci risulta, stanno perseguendo Confindustria, Cna, Cia e Alleanza delle cooperative. Con lo stesso sindacato che ha assunto questo indirizzo.

Per questo, ci pare poco comprensibile e strategicamente errato guardare a Livorno, realtà solidamente insediata nell’Area vasta Toscana costa e a pochi chilometri da Pisa.

Parallelamente, va considerato che Grosseto, Livorno e Pistoia sono le tre province che più di tutte in Toscana hanno accusato i colpi della crisi e la storia ci insegna che raramente dall’unione di due debolezze viene fuori qualcosa di buono. Altro discorso vale per l’area Piombino-Val di Cornia, che dovrà sciogliere il nodo se collocarsi nell’una o nell’altra Area vasta, visto che questa scelta è già stata fatta per quello che rappresenta il trasporto pubblico locale e i rifiuti (Piombino, Grosseto, Siena e Arezzo).

Infine, pensiamo che, rispetto ai progetti di sviluppo turistico, il livello istituzionale minimo di coordinamento e promozione non possa che essere quello regionale con la costa Toscana, da Massa Carrara a Grosseto, caratterizzata sull’offerta balneare, e la Maremma armonizzata nella dinamica dell’Area Toscana vasta sud.

Rispetto a tutto questo, può la scelta sulla futura Camera di commercio esaurirsi in riunioni individuali di singoli o piccoli gruppi di rappresentanze datoriali, con la ratifica del direttivo camerale a pochi giorni dalla scadenza della data utile per avere il contributo di Unioncamere? Noi crediamo di no e crediamo che su questo argomento si debba sviluppare un dibattito ampio, che va ben oltre la stretta rappresentanza camerale”.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su