AmbienteGrosseto

Legambiente promuove la Settimana di scambio culturale: 50 ragazzi europei si confrontano sull’ecosostenibilità

Sono cinquanta i ragazzi e le ragazze provenienti da Finlandia, Italia, Lettonia, Portogallo e Romania che, da oggi e fino a martedì 27 ottobre, convivranno per una settimana nel centro nazionale Il Girasole di Legambiente, a Rispescia.

Lo scopo è quello di lavorare insieme su tematiche comuni: eco-sostenibilità e rispetto per l’ambiente. Lo scambio internazionale, promosso dal Comune di Cinisello Balsamo, in provincia di Milano, in collaborazione con Legambiente, darà la possibilità ai partecipanti di confrontarsi, scambiare idee, acquisire conoscenze e coscienza di realtà socioculturali diverse tra loro, e, al contempo, i ragazzi potranno prendere parte a un laboratorio di circo, di percussioni, di danza hip-hop e di arti visive, magistralmente diretti da maestri italiani e internazionali. Alla fine della settimana verrà proposto uno spettacolo che sarà sintesi del lavoro svolto nei workshop durante la settimana. Una performance artistica che va oltre la musica, la danza e la giocoleria. Un mix di culture, colori ed energia.

Il centro Il Girasole è lieto di ospitare uno scambio culturale internazionale di questo tipo – ha spiegato Angelo Gentili, della segreteria nazionale di Legambiente –, che vede coinvolta anche Legambiente. Il supporto dell’associazione del Cigno sarà incentrato sulla sostenibilità ambientale e l’abbattimento delle emissioni climalteranti. La Maremma, ancora una volta, diventa territorio centrale per gli scambi giovanili con tutto il suo patrimonio di natura e cultura”.

Cultures on the road” è il nome dello scambio internazionale promosso dal Comune di Cinisello Balsamo, che si svolge dunque nel Centro nazionale per lo sviluppo sostenibile di Legambiente a Rispescia, per una settimana.

Protagoniste della settimana saranno la natura e l’eco-sostenibilità: nel verde della struttura Il Girasole, Legambiente accompagnerà i partecipanti alla scoperta dell’ambiente circostante, della flora e della fauna del Parco naturale della Maremma. “Cultures on the road” sarà l’occasione per italiani e stranieri di riscoprire o esplorare i sapori tipici della cucina italiana. Il progetto è finanziato da programma europeo Erasmus+, che copre la maggior parte dei costi di viaggio, di vitto, alloggio e delle attività.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button