Pubblicato il: 15 Maggio 2019 alle 17:46

GrossetoScuola

“Tutti a tavola, tutti insieme…”: la Settimana della celiachia entra nelle scuole

S’intitola “Tutti a tavola, tutti insieme… le giornate del menù senza glutine” il progetto cui ha aderito l’amministrazione comunale di Grosseto nell’ambito della quinta edizione della settimana della celiachia organizzata da Aic (Associazione italiana celiachia).

Un evento che prevede giornate dedicate al tema dall’11 al 19 maggio, per informare e sensibilizzare il pubblico in merito a una patologia che solo in Italia interessa circa 600.000 persone. L’obiettivo è di diffondere la conoscenza della celiachia e dell’alimentazione senza glutine al fine di favorire una corretta integrazione degli alunni celiaci nel contesto scolastico, diritto indispensabile di ogni bambino.

Questa mattina, nelle scuole dell’infanzia statali, nelle scuole primarie e in quelle secondarie di primo grado, che usufruiscono del servizio mensa, è stato servito un menù gluten free, cioè privo di glutine. L’iniziativa coinvolge circa 3500 studenti delle scuole del Comune di Grosseto, alle quali, con la collaborazione della ditta Camst, verrà fornito un pasto uguale per tutti. In linea con quanto richiesto dall’Aic, il pasto dovrà essere privo di glutine rispettando, allo stesso tempo, sia il budget previsto sia il menù abitualmente somministrato. Il tutto per far comprendere ai bambini e alle loro famiglie che con le necessarie attenzioni anche i celiaci possono consumare piatti della nostra abitudine alimentare, senza rinunciare al gusto. Il menù è composto da risotto alle verdure, pollo alla salvia, patate lesse e gelato. Al posto del pane, sono state servite le gallette di mais.

L’iniziativa – commentano il sindaco, Antonfrancesco Vivarelli Colonna, e l’assessore ai servizi educativi, Chiara Veltronisi inserisce all’interno della settimana nazionale della celiachia, che quest’anno è incentrata sul tema della diagnosi della celiachia, spesso difficile da individuare in certi casi in cui i pazienti riscontrano sintomi non comuni della celiachia. Come amministrazione, abbiamo scelto di aderire al progetto per sensibilizzare i bambini sul tema, diffondere la conoscenza dell’alimentazione senza glutine e favorire l’integrazione degli alunni celiaci nel contesto scolastico, che è un diritto indispensabile di ogni bambino. E proprio per consentire a di poter usufruire del servizio, abbiamo a disposizione nelle scuole lo sportello con la nutrizionista di Camst, dove le famiglie possono rivolgersi per richiedere diete particolari per gli alunni che lo necessitano”.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su