Agricoltura

Energie da fonti rinnovabili, niente limiti ai ricavi: il plauso di Confagricoltura

Grosse novità per gli agricoltori che hanno investito nelle rinnovabili e ai quali lo Stato voleva tassare gli extra profitti da esse derivati.

Ad accogliere il ricorso di diverse aziende è stata la prima sezione del Tar della Lombardia ,che annulla gli atti impugnati anche da Confagricoltura, la prima associazione a presentare il ricorso contro la delibera dell’Arera (l’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente) che introduceva i limiti ai ricavi, chiamati extra profitti, ottenuti da impianti alimentati con fonti rinnovabili.

“Questo è un atto di importanza strategica – commenta il presidente di Confagricoltura Grosseto, Attilio Tocchi -. Come associazione fin da subito abbiamo giudicato ingiusto il meccanismo che il decreto prevedeva, secondo il quale i titolari degli impianti sarebbero tenuti a versare, o ricevere, la differenza tra il prezzo di vendita dell’energia e un prezzo di riferimento fissato per legge”.

Tale meccanismo di compensazione, contenuto nell’articolo 15 bis del decreto legge Aiuti-ter, si riferisce agli impianti di generazione da fonte rinnovabile beneficiari di premi fissi o entrati in esercizio prima del 2010, insieme a quelli non beneficiari di incentivi.

“L’aver accolto il ricorso – conclude Tocchiè un segnale volto alle aziende che hanno investito nella realizzazione di impianti green che rischiavano di vedere i propri sforzi vanificati da una tassazione che la nostra associazione ritiene discriminante, irragionevole e sproporzionata.” 

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button