Pubblicato il: 22 Febbraio 2015 alle 21:53

Politica

Regionali: Sel rompe con il Pd e lancia la sfida al centrodestra

L’assemblea regionale di Sinistra Ecologia e Libertà, riunitasi ieri a Firenze, ha approvato all’unanimità il documento presentato dal coordinatore regionale, Giuseppe Brogi, che sancisce la fine dell’esperienza del centrosinistra in Toscana e lancia la sfida di un’alternativa di governo di sinistra per la nostra regione.

“Sel – si legge nel documento in questi anni ha fatto parte dell’alleanza di centrosinistra, condividendo e promuovendo scelte e azioni importanti in tema di lavoro, ambiente, stato sociale e diritti civili“.

Connotati ‘di sinistra’ che progressivamente sono venuti menosi spiegaper l’atteggiamento del Pd e dello stesso Enrico Rossi, che ha scelto di abbandonare ogni tentativo di rappresentare un modello originale e diverso da quello del Governo nazionale. La dichiarata volontà del Pd di far diventare la Toscana la regione laboratorio del Jobs Act ne è una conferma“.

A questo si è aggiunta, secondo Sel, l’indisponibilità del gruppo dirigente del Pd “anche solo a verificare le condizioni di una possibile futura collaborazione con la sinistra“.

Si apre per tutta la sinistra toscana una nuova stagione – commenta il coordinatore Giuseppe Brogi -. Sel vuole percorrere una strada feconda e costruttiva per la Toscana e non limitarsi a fare proposte contro qualcuno. Vogliamo una Toscana bella, operosa, giusta, solidale. Siamo pronti a mettere a disposizione la nostra cultura di sinistra di cambiamento e di governo, il nostro radicamento territoriale, le nostre donne e i nostri uomini che intendono la politica come servizio per una causa più grande e per essere utili qui ed ora, specie per chi non ha voce, forza, potere“.

Nei prossimi giorni, sul web e nei territori – dichiara ancora il coordinatore, lanceremo #immaginaToscana, un percorso aperto che con forme attive ed originali mira alla costruzione delle idee e delle proposte per la Toscana che vogliamo. Ci rivolgiamo a chi si riconosce nei valori della sinistra, a chi vuole provare a cambiare il mondo lavorando per una società più giusta. Vogliamo parlare all’elettorato deluso dal Pd, alle esperienze che si richiamano a Tsipras, alle liste civiche di sinistra della nostra regione, ai gruppi e alle associazioni che operano concretamente per affermare gli interessi generali su quelli particolari, i beni comuni sulla logica predatoria di pochi speculatori, la solidarietà”.

Insieme a tutte queste realtà – conclude Brogivogliamo parlare prima delle idee, rinunciando ad uno sterile confronto sui nomi per aprire, invece, una grande discussione sui temi, da sviluppare presto e bene. Vogliamo cambiare in meglio la vita alle persone, vogliamo che sia la buona politica la vera novità delle prossime elezioni regionali“.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su