AgricolturaAmiata

Seggiano ospita il “Girolio d’Italia 2012″ con un convegno sul paesaggio olivicolo, degustazioni e il “Trenonatura” a vapore

Sabato primo e domenica 2 dicembre, Seggiano ospiterà la tappa toscana di “Girolio d’Italia 2012”, il particolarissimo tour che tocca le varie “capitali”  italiane dell’olivicoltura, diventando un’occasione per confrontarsi sul rapporto fra economie agricole e tutela del paesaggio.

“La tappa toscana di questa bella manifestazione – sottolinea Gianni Salvadori, assessore regionale all’agricoltura – ci riempie di orgoglio e offre il modo di rendere omaggio alla civiltà della terra”.

“La scelta di questo comune dell’Amiata
– sottolineano i responsabili dell’associazione nazionale “Città dell’Olio”, che sono gli organizzatori  della manifestazione  – ha una motivazione significativa: meno di un anno fa, il 16 dicembre 2011, l’extravergine originato dalla molitura d’olive della cultivar Olivastra Seggianese ha ottenuto la Dop, entrando di diritto nel novero dei grandi oli con attestazione di origine”.

“Portare Girolio a Seggiano – commenta Franco Ulivieri, coordinatore toscano di “Città dell’Olio” – è sicuramente una decisione appropriata anche rispetto al tema di questa edizione, ovvero il rapporto tra olivo e territorio. A Seggiano, infatti, è inscindibile il legame fra territorio e cultivar: le caratteristiche chimiche, fisiche, organolettiche dell’extravergine Seggiano Dop dipendono dalla peculiarità dell’area produttiva e dalla varietà che trova solo in questa particolare zona dell’Amiata una così intensa diffusione”.

“Questo particolare giro d’Italiaprosegue Salvadorinon può esaurirsi in una retorica facile ma rappresenta un monito attorno alle nostre responsabilità: aiutare la coltura dell’olivo significa diffondere la cultura di tutti i prodotti genuini, ma significa anche rispettare quel paesaggio e quell’ambiente così collegati alla coltivazione di piante particolari”.

“Valori – conclude l’assessore regionale – che risalgono alle radici di una cultura popolare e contadina, valori che rimandano alla centralità dell’uomo, valori che abbiamo il dovere di trasferire ai nostri nipoti, valori che non sono il passato ma la base per un futuro sostenibile e giusto”.

Dopo aver percorso migliaia di chilometri in tutta Italia alla scoperta dell’olio nuovo appena franto e dei paesaggi olivicoli da tutelare, la carovana verde del “Girolio d’Italia 2012” arriva quindi a Seggiano per il suo undicesimo appuntamento.

E al paesaggio sarà dedicato il primo momento istituzionale della tappa: il convegno “L’olivo e il paesaggio toscano“ ospitato nella sede del Museo dell’Olivo. Al termine, sarà proprio l’assessore Salvadori a firmare una pergamena-testimone, disegnata da Ro Marcenaro per il Girolio 2012. Prevista anche una cerimonia istituzionale con l’accoglienza della delegazione veneta (Arquà Petrarca) che consegnerà a una scuola del territorio una pianta di olivo della loro cultivar tipica regionale: al suono dell’inno d’Italia e alla presenza di Alfredo Pigna, giornalista e testimonial di tappa, con i rappresentanti dei 47 comuni toscani soci di “Città dell’Olio”.

A Seggiano saranno aperti, fino a sabato sera e per tutta la domenica, stand, mercatini di prodotti tipici e cantine per assaggi e degustazioni. Non mancheranno visite guidate al museo, intrattenimenti musicali, concerti in piazza, giochi per i bambini. Arriverà anche “Trenonatura“, una locomotiva a vapore che attraverserà il paesaggio toscano attorno al paese amiatino.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button