AmbienteCastiglione della Pescaia

A Castiglione si insegna il fotovoltaico con la scuola internazionale

La Maremma ospiterà per la prima volta la nona edizione della Scuola internazionale sul fotovoltaico ibrido ed organico (ISOPHOS®).

L’appuntamento è organizzato con il patrocinio del Comune di Castiglione della Pescaia.

Fino all’11 settembre, infatti, ricercatori internazionali seguiranno corsi avanzati tenuti da esperti del settore nella splendida cornice di Castiglione della Pescaia, al residence Roccamare.

ISOPHOS è organizzata dalla società Dyers e dal Centre for hybrid and organic solar energy nel contesto di diversi progetti europei, tra cui la Cost action multiscale solar (strumento di cooperazione europeo per la scienza e la tecnologia).

La scuola si focalizza sui recenti progressi scientifici e tecnologici per l’uso di materiali eco-compatibili nello sviluppo di pannelli solari di nuova generazione. ISOPHOS nasce con lo scopo di mettere in contatto persone da differenti aree della ricerca scientifica (chimici, fisici ed ingegneri).

Siamo molto lieti di ospitare una scuola così prestigiosa – spiega il vicesindaco e assessore all’ambiente, Elena Nappi, soprattutto perché le loro attività e ricerche sono in linea con le nostre politiche energetiche: abbiamo realizzato la copertura in fotovoltaico del palazzo comunale e delle scuole elementari e medie. Ma abbiamo anche sostituito tutte le luci pubbliche e cimiteriali a basso consumo con regolatore di flussi e dimmeratori. In questo momento, abbiamo dato incarico per razionalizzare tutte le luci degli edifici comunali in modo che siano messi in efficienza per poter ridurre l’impatto energetico e quindi i costi. Siamo in procinto di iscrivere il nostro comune al Patto dei sindaci e di intraprendere la strada del Paes (Piano azione energetica sostenibile, ndr)”.

Per informazioni, è possibile consultare il sito www.chose.uniroma2.it/ISOPHOS-2015.

I docenti

All’iniziativa interverranno i seguenti docenti:

  • Prof. Aldo Di Carlo (CHOSE – Università di Roma “Tor Vergata” – Italia);
  • Prof. Fernando Araujo de Castro (National Physical Laboratory – Inghilterra);
  • Dr. Birger Zimmermann (Fraunhofer Institute – Germania);
  • Dr. Lucio Cinà (CHOSE – Università di Roma “Tor Vergata” – Italia);
  • Dr. Suren Gevorgyan (Technical University – Danimarca);
  • Prof. Emmanuel Kymakis  (Technological Educational Institute – Grecia);
  • Prof. Mohammad Khaja Nazeeruddin (Ecole polytechnique fédérale – Svizzera);
  • Dr. Matthias Auf Der Maur (CHOSE – Università di Roma “Tor Vergata” – Italia);
  • Prof. Vittorio Pellegrini (Italian Institut of Technology – Italia);
  • Prof. Alison Walker (University of Bath – Inghilterra);
  • Dr.ssa Anna Battaglia (3SUN company– Italia);
  • Prof. Urša Opara Krašovec (University of Ljubljana – Slovenia).
Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button