Pubblicato il: 25 Ottobre 2012 alle 16:44

AmbienteColline MetallifereFollonica

Scarlino Energia: la Provincia ha rilasciato l’Aia

La Provincia di Grosseto ha rilasciato l’autorizzazione integrata ambientale (Aia) a Scarlino Energia. Conclusa l’istruttoria, la conferenza dei servizi ha verificato le condizioni tecniche per il riavvio dell’impianto e ha dato il nulla osta. Questo consentirà la ripresa dell’attività produttiva e il reintegro al lavoro del personale dell’azienda.

“Il rilascio della nuova Aia – commenta Patrizia Siveri, assessore provinciale all’Ambiente – è il risultato di un percorso attivato dall’azienda, che per Legge ha la facoltà di chiedere una autorizzazione diversa da quella oggetto di un contenzioso in atto. A questo punto della vicenda per comprendere tutte le azioni intraprese è necessario ricostruire:

– il Tar ha bocciato la vecchia autorizzazione esclusivamente per le contraddizioni insite nel procedimento amministrativo. Infatti, se la valutazione di impatto ambientale del gennaio 2009 trattava di un cogeneratore, l’inchiesta pubblica e la successiva Aia autorizzavano un inceneritore con tutte le prescrizioni dovute per questo genere di impianti;

-per ovviare ad una contraddizione formale e non sostanziale saremmo andati inevitabilmente incontro ad un appesantimento dell’iter procedimentale con tutte le possibili ricadute negative sul territorio, un lungo contenzioso con la società proponente, pesanti risvolti anche in termini di richiesta di danni nei confronti della Provincia, identificata non solo nella persona del Presidente e dei componenti della Giunta, ma anche dei Consiglieri provinciali. Ricordo, infatti, che la delibera di indirizzo politico che definiva il percorso per il rilascio dell’Aia, era stata votata all’unanimità dal Consiglio provinciale”.

“Mi duole che il capogruppo De Carolis si presti oggi ad una polemica strumentale dimenticando tutti questi passaggi, condivisi. continua Patrizia Siveri – De Carolis pecca di memoria e mi corre l’obbligo di rammentarglielo. Del resto affermare che l’impianto ha creato danni alla salute è palesemente mistificatorio e può creare un allarmismo ingiustificato tra gli abitanti di Scarlino e Follonica. Da una lettura del rapporto epidemiologico della Asl 9, del settembre scorso, pubblicato sul sito della Provincia di Grosseto, nella Sezione Ambiente, Valutazione di Impatto Ambientale, emerge che i dati sulla morbosità e mortalità di Scarlino e Follonica sono in linea con quelli degli altri comuni della provincia. D’altro canto Arpat non ha rilevato dati ambientali alterati durante il funzionamento dell’impianto, né dalle centraline della ditta, né dagli analizzatori della stazione mobile della Provincia di Grosseto, che dal maggio 2011 viene impiegata per il monitoraggio della qualità dell’aria a Follonica”.

“Vorrei, infine – conclude l’assessore -, ricordare un’altra cosa a De Carolis. La filosofia del piano provinciale del 2002 sui rifiuti è stata fatta propria anche dalla destra quando la giunta guidata da Alessandro Antichi, nel 2002, ha localizzato l’impianto di compostaggio alle Strillaie nel comune di Grosseto. Oppure la scelta della destra era quella di produrre Cdr a Grosseto per esportalo fuori provincia?”

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su