Costa d'argentoCronaca

Rubano pesce da un’azienda ittica: arrestati dopo una breve fuga

Presi. Non con le mani nel sacco ma nella rete.

Nella notte appena trascorsa, infatti, i Carabinieri dell’Aliquota radiomobile della Compagnia di Orbetello hanno arrestato due uomini di nazionalità moldava: un 21enne residente a Capalbio e un 33enne in Italia senza fissa dimora, entrambi disoccupati.

Due ladri con un bottino molto particolare: circa 20 chili di pesce d’allevamento per un valore complessivo stimato intorno ai 1000 euro. Tutto è avvenuto presso l’azienda ittica “Il Vigneto” di Ansedonia, nel comune di Orbetello.

I due malviventi, verso mezzanotte, dopo aver tagliato la recinzione perimetrale, si sono introdotti all’interno dell’azienda e, armati di grosse reti e buste, hanno iniziato a rubare esemplari di pesce, un gesto che può avere di solito conseguenze disastrose anche per la serenità degli altri esemplari e costituire un grosso danno per quel micro ecosistema.

Sembrava che potessero farla franca, ma i due uomini sono stati sorpresi nei pressi delle vasche dai militari dell’Arma, già impegnati proprio in quella località e nelle zone limitrofe in servizi di controllo del territorio finalizzati al contrasto di reati contro il patrimonio.

Alla vista delle pattuglie, prontamente intervenute sul posto, i due hanno iniziato a correre, lasciando dietro di loro il pesce che cadeva dalle buste che avevano appena riempito, per poi nascondersi dietro la folta vegetazione della zona.

Tutto ciò non è servito e per i due uomini sono scattate le manette. Portati in caserma, i due uomini sono stati rinchiusi nelle camere di sicurezza in attesa della celebrazione del processo per direttissima davanti al Giudice di Grosseto, al quale dovranno presentarsi in mattinata con l’accusa di tentato furto aggravato. I

l quantitativo di pesce, probabilmente diretto al mercato nero, è stato recuperato, ma purtroppo non potrà essere riutilizzato.

Sono tuttora in corso accertamenti da parte dei Carabinieri per verificare l’eventuale presenza di complici.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button