Pubblicato il: 1 Luglio 2015 alle 14:19

Costa d'argentoNotizie dagli Enti

Bilancio di previsione Orbetello, Miralli: “Nessun tributo è aumentato”

L’assessore al bilancio e ai tributi del Comune di Orbetello, Roberto Miralli, commenta l’approvazione del bilancio di previsione:

Nei giorni scorsi la giunta ha approvato il bilancio di previsione 2015. Ringrazio gli uffici per il lavoro svolto, stavolta particolarmente complicato, in quanto è entrata in vigore la nuova normativa riguardante i bilanci degli enti locali, che prevede l’armonizzazione contabile, ed esprimo la mia soddisfazione per il bilancio previsionale 2015 – dichiara Miralli. Abbiamo subito un taglio netto di 750.000 euro dallo Stato tramite il fondo di solidarietà (il Comune di Orbetello è uno dei 177 Comuni che dà allo Stato, ma non riceve, dunque tramite la sua fiscalità finanzia lo stato stesso), a cui vanno ad aggiungersi per effetti della nuova contabilità 500.000 euro per finanziare il fondo di svalutazione crediti”.

Nonostante ciò, abbiamo finanziato lavori pubblici per 4.000.000 di euro, ma cosa più importante, rispetto al 2014, nessun tributo comunale è stato aumentato. L’addizionale Irpef comunale, come promesso e concordato anche con le organizzazioni sindacali, è nuovamente diminuita – continua l’assessore -. Molte persone non si accorgono di questo benefici, ma i redditi inferiori a 15.000 euro non troveranno questa voce nelle proprie pensioni, buste paga o denunce dei redditi; chi guadagna tra 15.000 e 28.000 euro avrà un’aliquota del 6 per mille, tra 28.000 e 51.000 euro l’aliquota sara del 6,5 per mille ed, in più, nella programmazione pluriennale sono previste ulteriori riduzioni fino a far sparire il tributo”.

La Tasi è rimasta invariata e, quindi, inquilini, attività commerciali e artigianali sono esentate; dunque, le attività produttive in genere non saranno penalizzate da un tributo che si ricorda non è detraibile dalla propria fiscalità. L’Imu o è rimasta invariata o è diminuita, come nel caso delle case date in uso gratuito o nel caso dei fabbricati ‘D’ (capannoni industriali e artigianali), che adesso avranno un’aliquota al 8,7 per mille, così come i fabbricati ‘C’ (commerciali): in questo caso si ricorda che questo tributo per il 7,6 va allo Stato, solo la parte eccedente la introita il Comune e anche in questo cosa si pensa di poter togliere la parte comunale – spiega Miralli -. La Tari (nettezza urbana) ha un costo complessivo in diminuzione ed anche questo è un segnale positivo. Per l’Imu agricola, che il Comune di Orbetello, come Comune costiero, ha di fatto subito, abbiamo ridotto rispetto alla aliquota di Stato 2014 dal 7,6 al 6,6 che, con l’aggiunta di 200.00 euro di detrazione per gli operatori del settore agricolo, vanno ad ammorbidire il tributo rispetto all’anno precedente. Anche in questo caso si spera di abbassa progressivamente il tributo”.

Tutti i servizi a domanda individuale hanno mantenuto gli stessi costi, rette mense dei bambini, ma anche i pulmini scolastici, mantengono i costi, ma non dimentichiamoci che i costi per l’amministrazione sono aumentati, ma è stato mantenuto anche il pulmino sociale; anzi, è stato aumentato anche il servizio dei pulmini del mare, assolutamente gratuiti – conclude l’assessore -. Nessun tributo è aumentato, è falso dichiarare diversamente. Per chiarire: la tassa consortile non è comunale. I maggiori introiti derivano da imposta di soggiorno, parcheggi e recupero dell’evasione”.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su