Pubblicato il: 20 Febbraio 2015 alle 22:12

Agricoltura

Anga giovani di Grosseto protagonista a Firenze con un road show

Doppio appuntamento per l’agricoltura e il mondo giovanile a Firenze il 5 marzo.

Anga Giovani di Confagricoltura con i Giovani di Federalimentare (Federazione italiana dell’industria alimentare) e il Cnr (Consiglio nazionale delle ricerche), in partnership con il Miur (Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca) – rappresentato da Renisa (Rete nazionale degli istituti agrari) e Renaia (Rete nazionale degli istituti alberghieri) – e Unimed (Unione Università del Mediterraneo), ha organizzato “Filiereintelligenti”, sette workshop, il quinto dei quali si tiene proprio nella nostra regione e incentrato su un progetto che parte dal presupposto secondo cui nessun settore può rimanere isolato a discutere concetti e questioni che riguardino il comparto agroalimentare del futuro.

L’obiettivo – spiega il presidente di Anga Giovani Grosseto, Guido Palliniè quello di creare, attraverso l’interazione di soggetti diversi, un dialogo che, partendo da un percorso di avvicinamento all’Expo 2015, attraverso questi sette eventi, si sviluppi durante il semestre dell’Esposizione universale di Milano e vada anche oltre”.

Ecco dunque che la  rete di sistema creata fra i giovani imprenditori, gli studenti e i ricercatori diventa lo strumento ideale per evidenziare le questioni in un itinerario che non è solo quello del confronto, ma anche quello di un viaggio reale nei luoghi dell’agroalimentare italiano, senza distinzione tra dove si produce, si scopre, si trasforma, si impara.

Ed ecco che l’idea di creare un percorso di avvicinamento all’Esposizione universale di Milano del 2015 – prosegue Pallini  – permette di ripensare i propri ruoli, nel confronto e nella discussione con gli altri, fornendo un contributo a tutti quelli che vogliono continuare a mettersi in gioco, riflettere ed agire in piena libertà”.

L’appuntamento fiorentino del 5 marzo, che si terrà a partire dalle 9.30 all’Istituto agronomico fiorentino per l’Oltremare, ha per titolo “La sfida dei sistemi tecnologici: la tracciabilità della filiera vite-vino e il suo impatto sul sistema internazionale degli scambi”.

Saranno indagate le nuove frontiere della tracciabilità genetica e chimica per l’industria enologica attraverso l’integrazione dei processi produttivi della filiera vite-vino. Questa tecnologia, nei suoi aspetti fondamentali, descrive un nuovo sistema informativo in grado di realizzare alcune soluzioni necessarie a salvaguardare il sistema internazionale degli scambi e favorire un accesso ai beni alimentari sia tra i Paesi evoluti sia tra questi e quelli dei Paesi in via di sviluppo. Dopo l’evento sulla tracciabilità, per chi ha meno di 40 anni e più di 16, c’è la possibilità di assistere, sempre all’Istituto agronomico fiorentino per l’Oltremare,  al Road Show di Anga Giovani.

L’obiettivo – conclude Palliniè quello di presentare l’associazione e i progetti che sta portando avanti con la finalità di aumentare l’interesse e la base associativa. Perciò invito tutti i giovani agricoltori a prendere parte a questa giornata a Firenze, incentrata su di loro perché si possa consolidare e formare un gruppo coeso, alle cui risorse attingere, a supporto di una associazione come Confagricoltura”.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su