GrossetoScuola

Mensa scolastica, si riunisce la commissione: non iscritti mille bambini, prorogato termine delle domande

Si è svolta ieri la prima riunione della commissione mensa del Comune di Grosseto, in vista dell’inizio del servizio di refezione previsto per il 5 ottobre.

Alla riunione, presieduta dall’assessore Chiara Veltroni, erano presenti i dirigenti e i tecnici degli uffici comunali dei servizi educativi, i membri della commissione provenienti dalle scuole, alcuni rappresentanti dei consigli di istituto e i rappresentanti della ditta appaltatrice Camst.

“Le decisioni e i risultati esposti in occasione della commissione mensa sono frutto di un lungo percorso avviato dall’amministrazione comunale già da tempo – affermano il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna e l’assessore alla pubblica istruzione, Chiara Veltroni -. Per garantire un servizio efficiente ed attento alle specifiche necessità di ogni bambino anche in tempo di covid, sono state effettuate numerose riunioni con i dirigenti scolastici, la Camst e l’Asl, che vogliamo ringraziare di cuore per la disponibilità e la volontà di trovare insieme un protocollo adeguato a questa situazione eccezionale. Purtroppo però le mancate iscrizioni al servizio stanno comportando numerose difficoltà per quanto riguarda l’organizzazione del servizio sia da parte nostra che da parte di Camst“.

Le iscrizioni sono state infatti aperte il primo giugno, online, e con una scadenza già più dilungata rispetto agli anni precedenti facendo slittare il termine al 27 settembre, proprio per agevolare le famiglie in un momento difficile come quello dell’emergenza sanitaria. Al momento della chiusura delle iscrizioni risultavano ancora non iscritti circa mille bambini ed è stato quindi concesso un ulteriore termine il 12 ottobre. Con questa nuova scadenza sarà possibile usufruire del pasto a partire dal 26 ottobre: questa è infatti la tempistica minima per le procedure tecniche di pianificazione del servizio, rese ancora più impegnative in periodo covid-19.

Durante la commissione è stato anche proposto un menù provvisorio fino a dicembre e sono state esposte le modalità di svolgimento del servizio mensa.

Per quanto riguarda la somministrazione del cibo, si svolgerà in due possibile modalità: laddove è possibile (tenendo conto del numero dei bambini e della conformazione dei locali preposti), è previsto l’utilizzo del refettorio come per gli anni precedenti. In alternativa il pasto verrà distribuito e sporzionato classe per classe dalla ditta che gestisce il servizio. La Camst si occuperà anche della sanificazione dei banchi pre e post pranzo, mentre sarà cura del personale scolastico procedere all’igienizzazione delle mani dei bambini.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button