Pubblicato il: 29 Agosto 2019 alle 15:22

AmiataCultura & Spettacoli

Musica e giochi popolari: a Santa Fiora arriva la prima rievocazione del volo della capra

Il volo della capra era un rituale di buon augurio, di origine pagana, che risale alla notte dei tempi

La contrada di Santa Fiora, con il patrocinio del Comune, organizza la prima rievocazione del volo della capra, in programma domenica primo settembre, a partire dalle 15, in piazza Sant’Agostino.

Il volo della capra era un rituale di buon augurio, di origine pagana, che risale alla notte dei tempi e che è stato praticato a Santa Fiora fino a un centinaio di anni fa, il giorno di San Nicola, ovvero l’11 settembre, a ridosso del raccolto delle castagne. Consisteva nel lancio di una capra viva, dall’arco del Terziere del Castello verso la chiesa di Sant’Agostino. Se la capra sbattendo moriva subito, era un rassicurante segnale di prosperità: l’annata sarebbe andata bene con un bel raccolto di castagne. Se al contrario la capra non moriva, il presagio era negativo e non ci si poteva aspettare nulla di buono dal raccolto.

La Contrada di Santa Fiora rievocherà questo antico rituale, domenica primo settembre. Ovviamente ad essere lanciato non sarà un animale come invece avveniva nel passato, ma una capra fantoccio.

Il programma prevede alle 15, in piazza Sant’Agostino, i giochi popolari a squadre per grandi e piccini. Alle 19, la rievocazione del volo della capra e alle 20.30 ballo liscio con Giuliano e la sua fisarmonica.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su