Colline Metallifere

A Ribolla ufficio postale chiuso da giorni

Lo Spi Cgil si fa portavoce del malcontento degli anziani

In questi giorni lo Spi Cgil di Ribolla ha registrato un crescente malcontento in paese per la mancanza di notizie rispetto alla chiusura dell’ufficio postale.

«Ribolla è un paese di più di 2.500 abitanti – spiega Giovanni Vannelli, delegato dello Spi Cgil che si occupa dell’Inca – e ci sono molte persone anziane o in età molto avanzata che hanno difficoltà a spostarsi e fanno affidamento sulla Posta per riscuotere la pensione, effettuare pagamenti e fruire dei tradizionali servizi postali. Almeno dal 1° luglio l’ufficio postale è chiuso, per giorni non ha funzionato nemmeno il bancomat, e c’è un cartello che invita a rivolgersi alla sede di Poste italiane di Roccastrada.
Sembra che abbia ceduto un controsoffitto, ma nessuno ha notizie precise su quel che è successo e su quando riaprirà l’ufficio postale. Soprattutto nessuno di Poste Italiane si è sentito in dovere di dirci qualcosa rispetto ai tempi di riapertura. Intanto disagi e malcontento crescono, anche perché non vediamo nessuna considerazione per i bisogni delle persone, ma percepiamo di essere considerati solo i termini economici».

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button