Pubblicato il: 14 Marzo 2019 alle 11:30

Colline MetallifereNotizie dagli Enti

Accolte le richieste del Comune: tolti i divieti, via libera a nuovi interventi edilizi sul territorio

L’Autorità di bacino distrettuale dell’Appennino settentrionale ha recentemente accolto le richieste dell’amministrazione comunale ed ha modificato e ridotto la pericolosità geomorfologica di importanti porzioni del territorio di Roccastrada.

In particolare, le aree interessate sono quelle relative alle zone comprendenti il centro abitato di Roccastrada e della frazione di Roccatederighi, nonché, per quanto riguarda l’idraulica, le frazioni di Ribolla e Sticciano e la campagna circostante. L’effetto di tali riduzioni permetterà la possibilità di eseguire in quelle aree interventi di ristrutturazione, ampliamento, cambi destinazioni d’uso ecc., interventi che fino ad adesso erano totalmente vietati e che sono stati bloccati per decenni.

Il raggiungimento di questo importante obiettivo che permette la ripresa di una serie di interventi in materia urbanistica ed edilizia finora vietate, in aree strategiche del territorio comunale – spiega il sindaco Francesco Limatola, era una delle priorità di governo di questa amministrazione e, grazie all’impiego di importanti risorse derivanti da finanziamenti regionali, nazionali e comunitari è stato finalmente raggiunto. Notevole è stato lo sforzo profuso in questi anni per la ricerca di finanziamenti extra comunali che complessivamente hanno consentito investimenti nel nostro territorio per oltre 5,5 milioni di euro. Le attività di ricerca di finanziamenti proseguiranno anche nel futuro per portare a compimento atri stralci di lavori previsti“.

Gli interventi eseguiti sul territorio che hanno permesso il raggiungimento di questo obiettivo sono stati portati a compimento nel corso degli ultimi anni e consistono nelle opere di bonifica e consolidamento del centro storico di Roccastrada nella porzione a ridosso delle Rocche, per un investimento complessivo di circa 1,7 milioni di euro agli inizi degli anni 2000, nelle attività di realizzazione di tre stralci di interventi per opere di bonifica e consolidamento del dissesto franoso della zona del Chiusone per un importo di oltre 3,5 milioni di euro negli anni dal 2003 al 2014 e nella conseguente relativa attività di monitoraggio con le necessarie strumentazioni nel corso dei tre interventi strutturali. Per quanto riguarda la frazione di Roccatederighi si è rivelato fondamentale l’intervento di bonifica e consolidamento dell’area cimiteriale a fronte di un investimento di risorse regionali di circa 250.000 euro.

A conclusione di questi interventi di consolidamento, bonifica e monitoraggio, l’amministrazione comunale aveva richiesto all’Autorità di bacino distrettuale dell’Appennino settentrionale, con comunicazioni nel maggio e nel settembre 2018 corredate di documentazione tecnica appropriata – prosegue il sindaco, di riesaminare la posizione del Comune di Roccastrada e quindi approvare la modifica delle perimetrazioni delle aree a pericolosità geomorfologica e, finalmente, con decreto del segretario generale del 6 febbraio 2019, le modifiche sono state approvate e conseguentemente è stata sancita definitivamente la possibilità di poter eseguire una serie di attività ed interventi di natura edilizia finora vietati“.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su