Colline MetallifereEconomia

Venator: Regione invita a rivedere la decisione sui licenziamenti

Sorpresa e amarezza per la decisione dell’azienda Venator di Scarlino di voler ulteriormente ridurre il personale. Ad esprimerle sono gli assessori regionali all’ambiente e all’economia che chiedono, sempre alla Venator, di presentare soluzioni alternative alla gestione dei gessi rossi. 

Oltre alla sorpresa, gli assessori manifestano la loro vicinanza ai lavoratori e l’appoggio allo sciopero di oggi. Non si può sedere ai tavoli a Firenze, hanno aggiunto, per parlare di prospettive aziendali e poi tornare a Scarlino e avviare procedure di licenziamento. Si tratta di un fatto grave che va in totale controtendenza rispetto ai propositi di rimanere sul territorio e avviare un serio piano di investimenti.

Nella giornata di ieri la Regione, portando avanti il confronto con il coinvolgimento della presidenza e dei due assessorati, ha convocato un incontro che ha visto partecipare i settori che si occupano di valutazioni di impatto, autorizzazioni ambientali e rifiuti, oltre ad Arpat, con l’obiettivo di assicurare il massimo supporto possibile all’azienda e ai suoi progettisti. La Regione è il soggetto che si occupa di autorizzazioni ambientali, mentre spetta all’azienda farsi carico dei propri scarti sia sotto il profilo economico sia progettuale.

Gli assessori pertanto invitano a ritirare i licenziamenti e a presentare soluzioni alternative alle gestione dei gessi rossi sia nell’immediato che nel breve-lungo periodo, realizzando contestualmente tutti gli investimenti funzionali alla riduzione della produzione dei gessi stessi.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button