Pubblicato il: 27 Giugno 2017 alle 11:37

AttualitàGrosseto

Terremoto centro Italia: i Vigili del Fuoco maremmani impegnati nel recupero di opere d’arte

Fra le varie tipologie di soccorso dei Vigili del Fuoco, si aggiunge alla lunghissima lista di interventi dei pompieri anche quello del recupero delle opere d’arte e che ha riguardato da vicino anche il comando di Grosseto, che ha visto impegnati sui luoghi del terremoto del centro Italia personale maremmano dei Vigili del Fuoco.

Fra i protagonisti di questo straordinario intervento di soccorso, il direttore vice dirigente ing. Domenico De Vita e  il capo squadra Marco Grieco, che si sono prodigati nelle operazioni di salvataggio del quadro con l’immagine della Madonna Addolorata, verso la quale i “Nursini” sono particolarmente devoti e che è tornata a splendere a Norcia, nel centro di comunità della Madonna delle Grazie.

Il salvataggio del quadro è avvenuto nell’ottobre del 2016, poco prima che la chiesa crollasse a causa della scossa del 30 ottobre 2016. Particolarmente commovente il momento in cui l’immagine della Madonna Addolorata, che versò lacrime nel 1735 dopo i violenti sismi degli inizi del Settecento, giunta dal deposito di Santo Chiodo di Spoleto, è stata ‘svelata’ dai due Vigili del Fuoco di Grosseto davanti ai fedeli raccolti in preghiera. Un sentimento ben sintetizzato da quanto una anziana signora ha detto a monsignor Boccardo,  arcivescovo di Spoleto e Norcia, presente alla cerimonia insieme al cardinale Gualtiero Bassetti: “Grazie Eccellenza, da oggi smettiamo di piangere, inizia la stagione del sorriso e della speranza»

Un sentimento ripreso anche dall’ing. De Vita: “Un dipinto che è sopravvissuto a tre terremoti – commenta il funzionario del comando di Grosseto, che aggiunge – e che abbiamo recuperato il giorno prima del crollo della chiesa in cui era venerato dai fedeli”.

Sempre a Norcia sono stati recuperati elementi architettonici della basilica di San Benedetto. L’attività si è svolta anche a Camerino, dove sono state salvate altre quaranta opere del 1500. Il dirigente dei Vigili del Fuoco di Grosseto sottolinea anche il contatto umano con la gente del posto: “Soprattutto condividere con loro i momenti di dolore. Sono stati momenti umani molto forti. Ma ho visto anche una grande voglia di riprendersi e di tornare alla normalità. Anche questo intervento è un contributo di vitale importanza per le popolazioni colpite duramente dal terremoto”, conclude l’ing. De Vita.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su