GrossetoScuola

Erasmus di due studentesse grossetane in Germania: il racconto della loro esperienza

Un po’ tristi per aver terminato un’esperienza esaltante, Maya Amatuzzi e Ambra Murzi, della classe quinta dell’indirizzo “Servizi socio sanitari” dell’Istituto Leopoldo II di Lorena, sono tornate a casa.

Di nuovo tra i banchi raccontano il loro stage in Germania.

“Ambra ed io abbiamo partecipato a marzo dello scorso anno scolastico alle selezioni per uno stage in Germania nell’ambito del progetto Erasmus – spiega Maya. Siamo state scelte per un tirocinio a Lipsia dal 13 agosto al 16 settembre. Qui siamo state inserite a supporto delle docenti in una scuola elementare, un’esperienza per cui ci sentivamo pronte, perché abbiamo studiato a scuola metodologie operative e psicologia e negli scorsi anni abbiamo già fatto degli stage presso asili e scuole elementari …”. La interrompe Ambra: “Sì, ma non eravamo mai state in una scuola di un altro Paese. Comunque, con nostra grande sorpresa, siamo state immediatamente mandate in gita con i bambini al lago per tutta la settimana…E’ stata un’esperienza fantastica: vivevamo nei bungalow e trascorrevamo le giornate sul lago. Qui abbiamo fatto animazione e supportato le maestre nella gestione dei bambini”. “Che poi abbiamo continuato all’interno della scuola”, aggiunge Maya, mentre mostra un video dove le due ragazze e i bambini ballano sul palco in occasione del venticinquesimo anno della scuola.

Gli occhi brillano mentre divertite le due studentesse raccontano dei problemi pratici, delle piccole difficoltà, ma anche dei grandi progressi, con il tedesco (i bambini sono stati i loro migliori maestri), e del grande bagaglio di esperienza che si riportano a casa.

Il soggiorno in un Paese straniero è sempre un valore aggiunto nella formazione dei giovani e l’obiettivo del Progetto Erasmus cui l’Istituto professionale Leopoldo II di Grosseto partecipa, è proprio quello di affrontare un’esperienza di autonomia, sia nella gestione della propria vita nei suoi aspetti pratici che nel lavoro.

Per me – dice Ambra – l’esperienza più importante è stata l’essermi aperta ad altre culture, di aver potuto vivere in una dimensione internazionale: ora non vedo l’ora di ripartire” e sospira pensando che, prima di tutto, ora deve affrontare l’ultimo anno di scuola e gli esami di Stato.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button