Pubblicato il: 30 Dicembre 2019 alle 14:48

Colline MetalliferePolitica

Ospedale Sant’Andrea, il Psi: “Pediatria depotenziata, disagi per le famiglie”

"La sanità maremmana a trazione Pd ha escogitato un bel sistema per scoraggiare le famiglie al fine di indirizzarle, in caso di emergenza, a Grosseto"

Grossi problemi per la pediatria all’ospedale di Massa Marittima“.

A dichiararlo, in un comunicato, è il Psi di Follonica.

“L’ambulatorio pediatrico, uno dei pochi servizi efficienti, è a rischio depotenziamento. La sanità maremmana a trazione Pd ha escogitato un bel sistema per scoraggiare le famiglie al fine di indirizzarle, in caso di emergenza, a Grosseto – continua la nota -. Per essere visitati dal pediatra dell’ospedale di Massa, fino a pochi giorni fa, i bambini venivano, attraverso il pronto soccorso dell’ospedale, direttamente dirottati all’ambulatorio pediatrico. Era compito del pediatra, aprire, chiudere il certificato medico e prescrivere i medicinali per le cure del bambino. Ora, invece, le famiglie con bambini hanno trovato la sorpresa: i piccoli accedono al pronto soccorso in attesa che un medico li indirizzi all’ambulatorio pediatrico. Ma il pediatra di turno è stato totalmente svuotato di funzioni: potrà soltanto visitare il bambino. Per chiudere il certificato le famiglie dovranno ritornare al pronto soccorso dell’ospedale ed aspettare la chiusura del certificato. Nei fatti i tempi di attesa si sono già triplicati con famiglie costrette ad attendere in pronto soccorso“.

“A parole si dirà che nulla è cambiato, ma nei fatti questa novità procedurale ha allungato in maniera impressionante i tempi di attesa e di gestione del bambino con gravi disagi per le famiglie – sottolinea il Psi -. L’obiettivo subliminale potrebbe essere sempre lo stesso, cioè quello di scoraggiare le famiglie e dirottarle all’ospedale di Grosseto. E così gradualmente, in maniera silenziosa, delocalizzando il servizio, ci potrebbe essere l’ennesima scusa per chiudere anche questo ambulatorio. Il danno per la sanità locale, per i presidi medici nelle aree periferiche della provincia è palese. I nostri territori stanno vivendo un veloce spopolamento che viene acuito dallo spostamento in altre città dei servizi alla persona“.

“Noi ci opponiamo a questo decadimento e facciamo appello a tutte le forze politiche che credono che il diritto alla salute debba essere garantito a tutti indipendentemente dal posto in cui si vive – termina il comunicato -. La Maremma è in stato di abbandono e non è un caso che la nostra provincia sia in fondo alla classifica nazionale per qualità di vita. Ma una certa politica di pseudo sinistra ci sta mettendo del suo“.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su