GrossetoScuola

Palestre scolastiche, Vivarelli Colonna: “La Provincia non vuole chiuderle, ma cerca soluzioni”

"Siamo stati abbandonati da Governo e Regione"

Intervengo personalmente sulla questione delle palestre scolastiche: sono state diffuse notizie poco chiare e discostanti dalla realtà su una presunta decisione della Provincia di chiudere le palestre scolastiche alle associazioni sportive“.

A dichiararlo è il presidente della Provincia di Grosseto, Antonfrancesco Vivarelli Colonna.

“La Provincia ha a cuore il mondo della disciplina sportiva, io stesso sono dalla parte delle associazioni e con esse sono pronto a combattere: sono un ex sportivo e sono fermamente convinto che l’attività delle associazioni integri il diritto alla salute dei nostri ragazzi, al pari delle misure sanitarie – spiega Vivarelli Colonna -. Lo dimostra il fatto che la Provincia ha voluto agire in maniera precisa e puntuale, convocando subito una conferenza di servizi, a cui erano presenti sia il prefetto che il provveditore e soprattutto i dirigenti scolastici. La decisione scaturita dalla ferma posizione dei dirigenti scolastici, avvallata sia dal prefetto che dal provveditore e presa unanimamente non può che essere transitoria ed aggiornabile in qualsiasi momento, in attesa che il Governo e la Regione trasferiscano le necessarie risorse per la sanificazione pre e post utilizzo associativo e per i presidi sanitari individuali“.

“D’altronde i dirigenti scolastici non avrebbero potuto certamente optare per una riapertura senza alcuna condizione di sicurezza, alcun protocollo, e senza il finanziamento necessario per la sanificazione. A fianco delle associazioni vogliamo scendere in piazza, se necessario, per chiedere le adeguate risorse finanziarie al Governo e alla Ragione, distratti e poco presenti su questo e su molti altri argomenti. Dico apertamente che senza soldi, senza adeguati finanziamenti, le associazioni, noi tutti, intraprenderemo insieme una lotta senza quartiere – sottolinea Vivarelli Colonna -. La Conferenza di Servizi, in queste momento e in queste condizioni, ha deciso per il meglio, per la salute dei nostri ragazzi: adesso la parola passa al Governo e alla Regione. Nel frattempo però, perché a noi i problemi piace affrontarli e risolverli, anche in caso di Governo e Regione totalmente assenti, come Provincia, stiamo valutando una possibile soluzione e oggi stesso ne parleremo con le associazioni: proporremo alle associazioni sportive la riduzione, se non l’azzeramento, del canone per l’utilizzo delle palestre, a fronte degli oneri della sanificazione a loro carico pre e post utilizzo, tramite la definizione di un protocollo adeguato“.

“Questo in attesa delle indispensabili e vitali risorse che ho già provveduto a richiedere tramite Upi al Governo nazionale. Senza il supporto delle risorse governative, questo è il massimo che possiamo garantire alle associazioni – termina Vivarelli Colonna -. Quando avremo le risorse per le sanificazioni ed il protocollo, proporrò ai dirigenti scolastici di riaprire le palestre. La decisione, in ultima analisi, spetta a loro, in condizioni di sicurezza“.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button