Colline del FioraCultura & Spettacoli

“A veglia, al teatro col baratto”: un libro e uno spettacolo nella terza giornata del festival

Terzo giorno de Festival “A veglia col baratto” affidato alle rivoluzioni gentili di Saverio Tommasi e al cabaret caustico di Velia Lalli (nella foto).

Nella ex latteria di Adalgisa Guerrini a Montemerano si snoda il programma della giornata odierna, che abbina ancora una volta la presentazione di un libro all’ora dell’aperitivo, per proseguire con uno spettacolo in serata.

Si comincia alle 18, con la presentazione del libro di Saverio Tommasi “Siate ribelli praticate gentilezza”, edizioni Sperling&Kupfer.

Saverio, papà di Caterina e Margherita (4 anni e 2 anniscarsi), in questo libro affronta i temi che più gli stanno a cuore: la tolleranza, i diritti dei più deboli, la lotta per l’uguaglianza, la denuncia di qualunque forma di razzismo e fascismo, i pericoli della rete. Con grande spontaneità, toni appassionati e talvolta irriverenti, ci regala il gesto d’amore più grande che un uomo possa fare per i propri figli: raccontarsi davvero, a costo di abbassare qualunque difesa.

Velia ci sorprende con queste parole: ”’Un pilota perde un secondo a giro a ogni figlio che gli nasce’, diceva Enzo Ferrari. È una frase bellissima. Significa capire che c’è qualcosa di più importante fuori da sé, e che quando ti nasce un figlio il successo non si misura più con i traguardi con cui l’hai misurato fino a quel momento. I figli sono l’occasione che ti regala la vita di guardarti allo specchio. Tutto quello che sei, quello in cui credi, quello per cui lotti non sono più solo il tuo modo di stare al mondo, ma si caricano di una nuova responsabilità”.

Ho scoperto Saverio Tommasi – racconta Elena Guerrini, organizzatrice del festival – in occasione di un piccolo documentario che aveva girato ad Albinia, dopo l’alluvione del 2012, da allora siamo rimasti in contatto, e quest’anno siamo riusciti a concretizzare una sua presenza al Festival“.

Tutt’altra atmosfera invece, quella della stand up commedy di Velia Lalli “Bad Girl sfrontata all’occorrenza”, che arriva a Montemerano dopo la presenza fissa a Sbandati su Radio 2, nel ruolo di comica-opinionista, e su Sky all’interno di Comedy Central.

Divertente e irriverente come il genere che rappresenta, Velia esprime pareri a suon di battute. L’unica stand up comedian in Italia? “Sicuramente la prima”, spiega l’artista. Infatti, Velia ha fatto parte di Satiriasi, il gruppo di giovani comici che ha fatto conoscere la stand up comedy in Italia più di 7 anni fa (tra i quali compaiono i nomi di Filippo Giardina, Saverio Raimondo ed Edoardo Ferrario) e di cui era l’unica presenza femminile.

La comedian, faccia a faccia con il pubblico in un’ora di spettacolo, racconta i suoi vizi piuttosto che le virtù, le sconfitte invece che le vittorie, le perplessità anziché le convinzioni. Non solo le sue, ma anche quelle di chi ascolta.

Chi saremmo senza poter ostentare i nostri titoli, la nostra posizione sociale o la nostra appartenenza ad un gruppo? E soprattutto: chi siamo senza il look giusto? In fuga da ogni definizione, compresa quella che le è stata attaccata di “bad girl” della comicità, insofferente alle classificazioni, demolisce tramite la risata le sovrastrutture dentro cui ci trinceriamo: politiche, sessuali, sentimentali, comunicative. Per questo appuntamento, la scena si apre alle 21.15, sempre all’ex latteria di Adalgisa Guerrini.

Poche le regole del festival.

E’ necessario portarsi la sedia da casa e ingresso rigorosamente a baratto:olio, vino, prodotti della terra. Un baratto equivale ad un biglietto di ingresso.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button