Pubblicato il: 4 Maggio 2018 alle 15:23

GrossetoScuola

Torna il “Teatro della Scuola”: 26 spettacoli con oltre 1000 studenti in scena

Torna la rassegna del “Teatro della Scuola“, promossa e organizzata dal Liceo Rosmini con il patrocinio e il sostegno del Comune di Grosseto.

Giunta alla ventunesima edizionem la manifestazione coinvolge alunni e studenti delle scuole pubbliche e private di ogni ordine e grado, del capoluogo e della provincia.

Per un totale di oltre 1000 tra bambini e ragazzi d’età compresa tra i 3 e i 18 anni che si alterneranno sul palco, mentre 3900 sono i ragazzi coinvolti tra il pubblico e le giurie.

I primi spettacoli sono in programma lunedì 7 maggio nella sala Friuli, la mattina e il pomeriggio; le rappresentazioni proseguiranno fino al 15 maggio per un totale di 26 messe in scena.

Il “Teatro della Scuola” propone laboratori teatrali scolastici, integrando il lavoro dei docenti e supportandoli con la presenza di esperti di teatro che collaborano dall’interno e forniscono quella professionalità alternativa preziosa per aumentare l’interesse degli studenti e facilitare la costruzione di gruppi e la coesione culturale. Inoltre, da alcuni anni vengono realizzati laboratori extrascolastici, finalizzati a prolungare i tempi di coinvolgimento dei ragazzi.

La rassegna, attraverso l’azione dei suoi docenti e operatori dedicati, svolge un ruolo di coordinamento tra le scuole coinvolte, rafforzando la rete tra i laboratori teatrali, favorendo il dialogo tra pari, ponendosi come polo di riferimento qualificato per la piena realizzazione educativa della pratica teatrale nelle scuole. È in questo contesto che si inserisce la manifestazione finale di incontro tra i gruppi scolastici, ormai diventata un appuntamento atteso per verificare i risultati dei percorsi teatrali intrapresi e per confrontare le esperienze nell’ottica dell’arricchimento reciproco e dell’ampliamento dell’efficacia educativa.

Tutte le forme di cultura che riguardano il territorio e in particolare i giovani avranno sempre il benestare di questa amministrazione – dichiara il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna -. Il ‘Teatro della Scuola’ con la sua lunga vita e vitalità è uno di quegli appuntamenti irrinunciabili per la comunità locale. Non solo per la scuola. Da qui il nostro plauso ai ragazzi per l’impegno profuso e la passione dimostrata in una attività diversa dal consueto. Un plauso agli insegnanti e a quanti si dedicano con tanta cura nel seguire questi bambini e giovani verso percorsi formativi nel gioco e nel divertimento“.

L’amministrazione comunale è lieta di dare il proprio supporto a questa storica rassegna che coinvolge tantissimi ragazzi delle scuole cittadine e della provincia – dichiarano il vice sindaco e assessore alla cultura Luca Agresti e l’assessore alla pubblica istruzione Chiara Veltroni; sono queste occasioni irrinunciabili di crescita e formazione personale e di un’intera comunità: quella scolastica, ma anche quella di tutto il territorio. Agli spettacoli teatrali partecipano infatti anche le famiglie, gli amici e molti cittadini interessati a vedere sul palco tanti piccoli talenti del teatro amatoriale. Da qui la nostra convinta partecipazione alla manifestazione che rappresenta un vero fiore all’occhiello del mondo scolastico e culturale cittadino“.

Breve cronistoria

Promossa all’inizio come progetto interno alla propria comunità scolastica, la didattica attraverso il laboratorio teatrale, il “Teatro della Scuola” è stata in seguito proposta dal liceo Rosmini alle altre scuole provinciali come strumento significativo contro il disagio giovanile e l’abbandono scolastico, attraverso il coinvolgimento dei ragazzi in percorsi di apprendimento alternativi rispetto a quelli presenti nella curricolarità, funzionali alla creazione di gruppi coesi e regolati sulle logiche della solidarietà e parità.

La rassegna provinciale finora è stata sostenuta in parte da contributi derivanti dalle amministrazioni locali e da risorse regionali, ottenute come Pez (Progetti educativi zonali). Il “Teatro della Scuola” ha potuto usufruire anche del contributo del Coeso mirato all’azione di raccordo e di incontro tra scuole, tra studenti, tra docenti e operatori, al prolungamento dei tempi di coinvolgimento degli studenti attraverso l’attivazione di laboratori teatrali in momenti extrascolastici.

E’ stato inoltre indetto un concorso: “Disegna la rassegna“, destinato a tutti gli alunni della provincia per ridisegnare il logo della rassegna.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su